In terza elementare non sapevo né leggere né scrivere. E non perché fossi scema ma perché non volevo avere gente intorno che mi dicesse cosa fare. (Non sono cambiata