TOP

salvacena

Il boom dei Foodblog, come già accennato, risale al 2009; chi quindi volesse cimentarci e sperare di guadagnare pure dei soldi deve avere decisamente caratteristiche fuori dal comune, oltre che essere per davvero un buon cuoco. Vi è poi gran parte della gente, la maggior parte a dirla tutta, che ancora oggi non sa cucinare. Molti ragazzi universitarie, donne, uomini. A queste persone poco importa di usare una buona macchina fotografica per fotografare il cibo, è già tanto se sanno cucinare un piatto di pasta che non sia di gomma. Ci sono poi molte persone che tornata a casa dal lavoro proprio non hanno voglia di cucinare, e soprattutto aprendo il frigo ad attenderle vi è solo desolazione. A queste persone, a quelle che anche solo per una macedonia di frutta cercano su internet, dico “Stai Serena”. Disperate in cucina, oggi siete salve. Ci pensa la Peppina. Dato che io spesso di sera mi ritrovo da sola a cena, ed in tutta onestà non mi va proprio di fare grandi piatti, ho deciso di rendervi partecipi. Ogni giovedì vi sarà la rubrica Desperate Chef ricette talmente facili e veloci che basta un click, ma anche quack. Un salva cena gustoso, non pasticciato, che pure tu che pensi “oddio mi tocca cucinare” riuscirai a sfamarti. L’idea di oggi è una ricetta facile e gustosa che non implica grandi quantità di tempo ma soprattutto preparata con ingredienti surgelati. Ebbene si. Salvati dal Signor Gelo!

Stamattina ore 9.30 nessun post. Qualcuno si sarà pure detto “ma la Peppina che fine ha fatto?”. Perché voi vi siete accorti che quando viene pubblicato un posto è alle 9.30? Nooooooo! Ma che vi tengo a fare, io dico! Si beh l’idea è di rompervi le scatoline durante una ipotetica pausa caffè e darvi tutta la giornata,eventualmente per recuperare. Certo il week end difficilmente riesco alle 9.30. Vero è che io li programmo pure i post. Non mi guardate così, ho imparato dalle blogger 2.0. Insomma questa mattina niente post. Eppure c’è un pesce spada che scalpita per uscire allo scoperto. Ieri sera non sono stata per niente bene e anche se con tutte le mie forze dicevo “vai avanti, vai in ufficio” mi sono adagiata sul letto e bam. Sono crollata in un sonno profondo dal quale sono uscita solo ora. Questo mi fa capire quanto io sia stanca. Ora il dilemma è che domani alle 7.00 ho un treno per Roma (non riesco ad esternare neanche finto entusiasmo) ed il mio portatile sta al lavoro. Ho chiesto un pc di appoggio per due giorni. Niente. Mi voglio portate il mio personale, pare che non si può. Quindi? Quindi io approfitto della mezza giornata per riposarmi e tutti in coro faccio Prrrrrrrrrrrrr al mondo. Pernacchie sonore a chi ci vuole legate alla sedia, pernacchia pure al mio stomaco che sta sotto sopra perché, come dice il Giammy, “Pina, tu somatizzi”. Prrrrrr pure a mia madre che continua a mandarmi foto dalla Puglia e mi dice “mira! Mira! Quant’è bello il mare”. Una vacanza? Si grazie.

PesceSpada03

Le foto fanno apparire questo fantastico trancio di spada di una tristezza oserei dire quasi da ospedale. La verità che sopra ci dovevano andare dei pomodorini pachino rosso accessi che ovviamente non avevo. Li ho serviti con un contorno di carciofi che messi di fianco facevano apparire il tutto ancor più pallido. Insomma! I foodblogger o finti tali a volte cucinano robe improponibili che non rifilerebbero neanche al peggior nemico che però all'apparenza, in foto, sono colorati e fantastici. Io vi presento uno Spada "eccezionale veramente" ma che a guardarlo ti viene voglia di chiedergli "scusi lei perchè è pallido?Sta bene?"

Come vi ho già detto, ho cambiato lavoro.

Ora sono nella centralissima Milano. Si intende che non l’ho cambiato per questo! Pensavo che il distacco da un ambiente e persone che ormai conoscevo da anni mi avrebbe fatto più male.

Invece.

Ho patito il cambio, perché qui i ritmi sono frenetici e perché io e la mia capa dobbiamo ancora tararci. Lei è, al di fuori di essere capa psico, una persona fantastica. Una persona che mi fa molto riflettere. Sarà che ha 54 anni, sarà che ha sconfitto una malattia e non solo non si è arresa, ma ha fatto tre figli tutti ora sulla strada del successo.