TOP

Trekking Ponte di Legno: 3 itinerari adatti a bambini e cani

Come ben sapete I’m a Sciura Milanese, non appena iniziata la fase due ho deciso di noleggiare una casa  in montagna per continuare a lavorare ma unire anche la pace dello stare a contatto con la natura. La scelta è caduta su Ponte di Legno in quanto in Lombardia e vicino a Milano (2ore secche senza traffico).

Durante la settimana ho lavorato, nei week end mi sono concesse delle piccole gitarelle. Ritornare a camminare dopo 3 mesi di quarantena non è stato semplice per questo ho prefirito fare itinerari semplici, adatti a tutti ma di comunque di grande bellezza. Ecco allora 3 itinerari di trekking a Ponte di Legno per tutti!

 

Lago del Mortirolo un laghetto alpino adatto a tutti

Il Lago del Mortirolo si trova sull’altopiano del Mortirolo, tra la Valtellina e la Valle Camonica. Sul lago c’è l’omonimo rifugio dove è possibile dormire, mangiare o fare una picccola siesta.

Il lago è una meraviglia, incastonato nella Valle con tinte blue e verdi. Sul posto potete fare pesca, area picnic o sempclimente godere dello spettacolo. Il lago è una meraviglia in tutte le stagioni; essendo semplice arrivarci d’estate e’ un po’ affollato ma basta andarci al mattino presto.

Come raggiungere il lago e rifugio  Mortirolo?

In Auto dal. Da Passo del Mortirolo con strada asfaltata ci impiegate 20 minuti.

A piedi da Monno la camminata è di 1 ora e mezza con un dislivello di 700 metri.

Il primo tratto della camminata è in discesa tra pini e larici, poi inizia una leggera salita tra i prati. A farvi compagnia un ruscello che attraversa il sentiero, seguendolo raggiungereet la vostra destinazione.

 

Trekking Ponte di Legno: Case di Viso

Si tratta di un borgo alpino a 1753 dove il tempo si è fermato; le abitazioni conservano la loro architettura originale risalente al XIX Secolo. Il borgo è sempre nel comune di Ponte di Legno ed è facilmente raggiungibile in auto in 20 minuti da Ponte di Legno prendendo la SP29 fino a pezzo e poi proseguendo sulla via viso.

La passeggiata a piedi è veramente per tutti: bimbi, cani e anziani. Ci troviamo all’interno del val viso il cui colore predominante è il verde. Cè una leggera e costante salita ma niente di difficile, l’itinerario è ampio, ricco di ruscelli d’acqua adatto anche a chi ama la bicicletta.

Da Casa di Viso partono escursioni più impegnative verso il rifugio Bozzi (un’istituzione in Alta Vallecamonica), i Laghi Erchevallo e al Passo del Graole.

Case di Viso offre un panorama fuori dal tempo con le sue casettine a mattoni, la chiesa e un negozio di vendita diretta di formaggi. L’itinerario viene fatto anche d’inverno con le ciaspole.

Informazioni Utili:

Durata: 40 minuti

Quando: ogni stagione (anche con la neve)

Ristoro: c’è un bar quando si arriva

Dislivello: 180 metri

Partenza: da Pezzo dove è consigliabile lasciare l’auto.

Passo del Tonale: sentiero dei Contrabbandieri

Il Passo del tonale, diciamolo subito, si trova sul confine con il Trentino Alto Adige facilmente raggiungibile in auto in 20 minuti da Ponte di Legno. Da qui partono molti sentieri, alcuni veramente facili come quelli che porta al Laghetto Artificiale del Valbione.

Il sentiero dei Contrabbandieri è leggermente più impegnativo ma comunque semplice e si può fare con bimbi e cani al seguito, sempre che siate un pochino allenati.

Allacciate bene gli scarponcini, lasciate l’auto all’ l’Ospizio San Bartolomeo (che si trova a 1,4 km dal Passo del Tonale a 2250 metri) e imboccare il sentiero n.111 che si sviluppa per circa 50 minuti lungo un percorso che costeggia la pista da sci.

Gli ultimi 20 minuti sono quelli più tosti perché più stretto e in salita ma, al proprio passo e con pazienza, si fa. E’ proprio l’ultimo tratto che da il nome di itinerario dei contrabbandieri perché nel dopoguerra era notevole il crocevia di contrabbandieri che partivano da qui verso il passo Gavia e in Svizzera.

Tutta la zona infatti presenta tracce della grande Guerra, con numerosi resti di trincee, gallerie e fortificazioni.

Se poco allenati si può non fare i 20 minuti finali e fermarsi lungo i prati per un pranzo al sacco (l’area non è attrezzata) ma lo spettacolo merita: verdi prati, sotto la vista del lago e intorno tutta la vallata.

Per i più temerari che vogliono puntare ad un Rifugio, possono continuare per altri 30 minuti in discesa verso il Rifugio Angelino Bozzi (2481) qui, oltre che magiare, potete visitare un piccolo museo dedicato ai caduti della guerra.

Questo tragitto è un’alternativa al classico tragitto per raggiungere il rifugio Bozzi che invece risulta decisamente più impegnativo.

Informazioni Utili:

Durata 2 ore

Difficolta: media, per persone abituate a camminare in montagna

Ristoro rifugio Bozzi o pranzo al sacco per chi vuole fare meno

Dislivello: 300 metri

Partenza: alle spalle dell’Ospizio San Bartolomeo

Trekking Ponte di Legno gli imperdibili

Se soggiornate a Ponte di Legno, o in generale in Alta Vallecamonica da non perdere assolutamente sono:

  • il sentiero dei fiori:  solo su prenotazione con guida esperta, quindi non adatto ai bambini. Si tratta di una ferrata con dislivello di 600 metri, qui tutte le informazioni
  • il ghiacciaio del Presena: che non è un vero trekking ma piuttosto una gita in alta quota. Meraviglioso per i bimbi che non hanno mai visto un ghiacciaio

Per oggi mi fermo qui, ma prima di lasciare la Valle Camonica penso proprio che farò altre escursioni, quindi seguimi sulla Pagina di Facebook per scoprire dove vado!

Esaurita Sciura Milanese per vocazione e per residenza. Cucina, Viaggia e Fotografa in ordine sparso e casuale. Starnazza sempre. Non guida, ma va dappertutto.

Post a Comment