Idea per un week end? Gaeta assolutamente. Sono capitata a Gaeta per sbaglio, in una delle mie trasferte romane. Ammetto che da Sciura Milanese non conosco molto il Lazio e che sono stata “indotta” alla visita da amici Romani. Già la strada da Roma a Gaeta merita, in auto o in moto, una volta giunti a destinazione scoprirete una città da mille volti, con percorsi affascinanti e spiagge chilometriche. Scopriamo cosa fare a Gaeta in 2 giorni!

Sciura Milanese in Viaggio: guida completa su cosa fare a Gaeta in 2 giorni 

Quando andare a Gaeta? Tralasciando il periodo di affollamento delle spiagge che va da metà giugno a fine agosto, Gaeta può essere visitata in qualsiasi momento dell’anno. Io ci sono stata ad aprile, le spiagge erano deserte e c’era già chi faceva il bagno. Tutto dipende da che tipo di vacanza volete fare. Se prediligete il relax al mare ovviamente consigliata da aprile a ottobre. Se volete essere un po’ più attivi e camminare lungo i numerosi sentieri allora la primavera e l’autunno sono perfetti. C’è da dire che il mare di inverno ha qualcosa di romantico se a questo aggiungi il buon cibo…. vero è che oramai a Gaeta sono quasi tutte seconde case e che quindi di inverno non tutti gli esercenti saranno aperti.

Gaeta Medioevale: mezza giornata per scoprire il cuore della città

Mettete scarpe comodo, preparate la macchina fotografica e… via!! Cominciate lungo il percorso “Gaeta Medioevale” un piccolo sentiero, adatto a tutti con un dislivello di 110 metri, che vi permetterà di attraversare il borgo medioevale ed arrivare fino alla sommità di Monte Orlando. Il percorso è lungo 2 chilometri e parte dalla Chiesa di San Francesco.

In alternativa si può fare in due giorni. Mezza giornata la dedicate alla visita del borgo e dei suoi monumenti, il pomeriggio relax in spiaggia ed il giorno successivo l’escursione (semplice) fino al Monte Orlando. Io me la sono presa piuttosto comoda quando sono andata a Gaeta… guardate il video!

Se volete prendervela “comoda” passeggiate sul lungomare e visitate la Chiesa dell’Annunziata, di origine gotica, oggi splendido esempio di architettura barocca. All’interno della Chiesa da non perdere il grande trittico cinquecentesco donato alla chiesa da Giuliano Colojna, cittadino di Gaeta. Annessa alla Chiesa: Cappella dell’Immacolata o Grotta d’Oro, chiamata così perché ha la volta a botte costituita da cassettoni di legno intagliati e dorati. Nella Chiesa dell’Annunziata si conservano decine di codici preziosissimi che riportano musica sacra e sono stati copiati a mano dai monaci amanuensi.

Proseguendo sul lungomare, la vostra attenzione sarà catturata dalla Chiesa neogotica di San Francesco, il Castello Angioino. Finito il lungo mare, sarete giunti in piazza e superando, al G. Caboto e vi troverete davanti la facciata del Duomo  di Gaeta.

Continuando sulla via Duomo incontrerete il maestoso Palazzo De Vio ed Museo Diocesano risalente al 1903; superate l’edificio e si presenterà di fronte a vuoi il Duomo di S. Erasmo a tre navate con cappelle laterali. Alla destra del Duomo si trova l’accesso al Campanile dei secc. XII e XIII.

Gaeta in 2 giorni: cosa mangiare e comprare

Gaeta è una città che offre molto da un punto di vista gastronomica e, diciamolo, viaggiare significa anche mangiare! Il mare la fa da padrona, quindi non abbiate timore: pesce a volontà! Come tutto il mondo sa, Gaeta è nota per le olive nere di Gaeta che si caratterizzano per il colore violaceo ed il sapore vinoso, amarostico con sfumature acetiche. Famosi, ma soprattutto sublimi, la produzione di ortaggi: dal Pomodoro Spagnoletta di Gaeta al Sedano Bianco di Sperlonga IGP, dalle Puntarelle di Gaeta alla Lattuga Signorinella di Formia, solo per citarne alcuni.

Rullo di tamburi… il must have di Gaeta è la Taiella!! La Teialla, il cui nome deriva dalla teglia in cui veniva preparata è una pizza rustica di forma circolare il cui ripieno è costituito da prodotti di terra o di mare, o da entrambi. Ci sono talmente tante varietà di Taiella che forse due giorni non vi basteranno per provarle tutte!!! Le mia: scarola e baccalà.

Cosa comprare? Beh direi che da quanto vi ho raccontato già avete intuito: prodotti gastronomici! Tornate a casa con un’auto piena di olive, olio ma vi consiglio anche il vino. Il clima tipicamente mediterraneo e le note del mare fanno della territorio di Gaeta una perla per produzione del Doc Circeo.

Vacanze attive a Gaeta: la Montagna Spaccata e il Monte Orlando

Da non perdere assolutamente la passeggiata verso la Montagna Spaccata e la visita al santuario. Il nome deriva dalle tre spaccature verticali della roccia che leggenda narra siano state prodotte dal terremoto verificatosi alla morte di Cristo. Il percorso, adatto a tutti, è lungo quattro chilometri con passo molto blando ci si impiega all’incirca tre ore. Il punto di partenza è il Santuario della SS. Trinità che si trova al centro di Gaeta percorrendo Via Munazio Planco.

La prima tappa del percorso è, come detto, la Montagna Spaccata; dalla terrazza, sospesa a metà della spaccatura, si possono ammirare dei bellissimi esemplari di palma nana che sporgono dalle pareti rocciose a strapiombo sul mare.

Uscendo dal santuario, svoltando a destra, e percorrendo 270 scalini si raggiunge la Grotta del Turco: una maestosa cavità nella roccia dove le onde si infrangono sotto la volta.

Tornando verso la strada di casa, a sinistra della Chiesa si trova il sentiero per Parco di Monte Orlando.

Tutti i percorsi sono semplici, c’è vegetazione e prati ma non c’è acqua e d’estate fa molto caldo, quindi regolatevi di conseguenza.

Gaeta in 2 giorni: informazioni pratiche

Vi consiglio di scaricare l’applicazione dell’ente del turismo, guida ufficiale della città.

Gaeta è facilmente raggiungibile in auto e in autobus. Se state vicino al borgo medioevale i parcheggi non sono molti e sono tutti a pagamento, se puntate alla zona spiagge, “Gaeta Mare”, più parcheggi anche liberi, poi dipende dalla stagione.

Tra Gaeta e Sperlonga ci sono 10 km di spiaggia libera ed attrezzata, la sabbia strizza l’occhio a quella Sarda e Marocchina con tinte di caramello ed il mare è uno spettacolo!

Fotografie di Gaeta, clicca qui e accedi al mio album fotografico.

Print Friendly, PDF & Email