Torte con i Fiori: una giornata con Elena Cito

Torte con i Fiori: una giornata con Elena Cito
by

Era una calda sera di autunno e surfavo beata su instagram quando l’occhio mi cadde su una foto: una torta, forse troppo cotta, ma sopra una barchetta di carta, dei fiori bianche e lamponi. Un piccolo bigliettino scritto a mano. Mi sono chiesta “e questa?” così ho guardato meglio il profilo e sembrava il classico profilo di un designer, incuriosita sono andata sul sito… un sito molto minimal con un portfolio che mi ha confermato essere una designer. Ho scoperto che lei si chiama Elena Cito così, volendole dare un volto, ho cercato il suo IG. Aveva una foto profilo (di recente cambiata) imbronciata, con i capelli lunghi e una abito bianco. Ho subito pensato ad un film dell’horror di quelli che piacciono a me, alla Tim Burton dove il dark ha gocce di amore e di follia. Non riuscivo proprio a dare una collocazione e un’età a questa Elena. MI sono detta: le scrivo. Ed eccoci qua in Feltrinelli in Porta Romana davanti ai suoi libri universitari e i suoi occhi vispi. Mi sento terribilmente vecchia, mi dico “penserà sia una povera Sciura senza senso”. Iniziamo a parlare e scatta qualcosa. Quella cosa che solo noi folli creativi che continuiamo a cambiare pelle possiamo capire. Ecco, sogno tante Elena Cito in giro per l’Italia: educate, creative e con la voglia di lavorare. Un’intervista per le mamme che pensano che il web non serva a niente, una chiacchiera con una ragazza giovanissima che ha tanto da dare e una nuova forma d’arte: le torte con i fiori.

Torte con i Fiori l’arte di raccontare di Elena Cito

Da dove nasce la tua passione per i fiori?

In realtà non ci sono un episodio o un momento legati alla nascita di questa passione. Amo i fiori perché a loro riconduco meravigliosi messaggi di speranza. Coltivando un terreno, prendendosene cura, i fiori sbocciano e si mostrano nella loro straordinaria seppur naturale bellezza. E’ una buona lezione di vita, secondo me.

Se dovessi presentarti con tre parole legate a torte con i fiori?

Questa è difficile! Mi vengono in mente:

nostalgia per il mood spesso un po’ melanconico delle mie composizioni,

bianco che è il colore che prediligo  in torte, props e foto,

perseveranza perché questo progetto mi sta insegnando che il lavoro costante e tenace ripaga ogni fatica.

Da dove trovi l’ispirazione per le tue creazioni e quali sono i tuoi progetti futuri?

Al concetto di ispirazione associo immediatamente la musica, perché il cantautorato italiano (che è la mia grande passione!) è il pozzo da cui attingo più spesso per progettare le mie tortecoifiori. In realtà qualunque cosa (una poesia, un quadro, una chiacchierata, una pausa caffè) si possono rivelare fonte d’ispirazione.

I mie progetti futuri sono legati per lo più ai workshop in giro per l’Italia. Il 15 Dicembre a Milano si concluderà la stagione autunno/inverno e sto definendo un ricchissimo calendario di date primaverili che comunicherò dopo le Feste. Posso anticipare che raggiungerò regioni in cui non sono mai stata. E poi vorrei riuscire a ritagliarmi del tempo per produrre contenuti nuovi per i miei canali e per dedicarmi un po’ alla mia formazione (sia nell’ambito della pasticceria, sia in quello del branding).

Data la tua giovane età cosa hai da dire ai ragazzi che usano i social? Opportunità o solo svago?

Io sono fermamente convinta che in questo momento storico che pure è estremamente incerto e buio, l’accessibilità alla rete costituisca un meraviglioso regalo per tutti noi. Il telefono che teniamo costantemente tra le mani è uno strumento potentissimo d’intrattenimento sì, ma anche di incontro e scambio costruttivi.

Mi piace pensare ai social come ad una grande festa con migliaia di invitati: arrivi e non conosci nessuno, poi a poco a poco scorgi chi veste come te, chi ha i tuoi stessi gusti musicali, chi ha hobby affini ai tuoi. E le relazioni che si instaurano sono una vera ricchezza. Io, devo ammetterlo, sono stata molto fortunata ed ho stretto legami di amicizia e di lavoro davvero speciali. Quindi quel che ho da dire ai miei coetanei è: non sprecate questa preziosa occasione. Se avete un progetto o anche soltanto un’idea o un’opinione, i social sono il luogo giusto dove esporvi per raccontarli. Ma sempre, sempre con gentilezza e buona educazione.

Qual è il tuo sogno nel cassetto? Ti vedi a creare decorazioni e torte con i fiori a vita?

Apparirò un po’ arrogante nell’ammettere che al momento, anche sforzandomi moltissimo, non mi vengono in mente sogni che custodisco nel cassetto. Corre tutto così veloce che non riesco a fare programmi a lungo termine mentre quello che desidero “nel breve” è di fatto già sul mio cammino o sto lavorando per ottenerlo.

Certamente farò tesoro di questa mia anima creativa, delle competenze che grazie a questa attività sto affinando e della rete che sto tessendo, ma non sono certa continuerò per tutta la vita a produrre torte e a decorarle con i fiori perché non voglio precludermi la possibilità di cimentarmi in altri professioni o progetti.  Mi attrae molto l’industria della creatività tutta (musica, editoria, beni culturali…) e se da grande non riuscirò ad inventarmi qualcosa di unico e mio, senz’altro mi piacerebbe apportare il mio contributo (con le mie conoscenze e la mia formazione universitaria) in quel settore produttivo.

Se vuoi sapere quando sarà il prossimo Workshop di Elena o saperne di più delle sue torteconifiori non ti resta altro da fare che seguira sui suoi social:

facebook: @tortecoifiori 

 

Print Friendly, PDF & Email
Share

Esaurita sciura Milanese per vocazione e per residenza. Cucina, Viaggia e Fotografa in ordine sparso e casuale. Starnazza sempre. Non guida, ma va dappertutto.

Starnazza con me! [I commenti per problemi di spam sono moderati. Appena mi collego li approvo! ]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: