Vacanze finite e ci sentiamo stanchi, depressi e senza forze. Come tornare produttivi? Poi ci sono quelle esaurite come me che durante la prima settimana hanno lavorato come delle matte per poi essere già in affanno la seconda. L’equilibro è fondamentale per lavorare bene e non impazzire. In questo articolo vediamo quali elementi introdurre nella vostra quotidianità per per tornare produttivi dopo le vacanze.

Come tornare produttivi dopo le vacanze?

 

Quando ci si ferma per un lungo stop, che siano le vacanze estive o un week rilassante, il problema è riprendere la spina senza troppi traumi. I consigli che condivido con voi, valgono sempre per lavorare bene senza troppi stress; da un lato aiutano a non lavorare troppo, soprattutto se si lavora da casa o se si è freelance, dall’altro ci insegnano che anche ognuno di noi ha diritto ad una certo grado di libertà

1.Più coccole per tornare produttivi

Alzarsi al mattino e fare una colazione che ci piace, mangiarci un gelato in pausa pranzo o fare un aperitivo sono piccole coccole settimanali che possiamo concederci ma che ci aiutano a non entrare nel vortice del “solo lavoro”. Quando dobbiamo dare il massimo spesso ci sentiamo stanchi e agitati, tendiamo sempre a sovraccaricarci. Ciò è sbagliato e ci rende antipatici e isterici. Se introduciamo una piccola coccola per noi stesse questa ci appaga e ci regala un momento tutto nostro. Qualcosa di semplice con un calice di vino o una passeggiata con il cane. Tu, te stessa ed il tuo bisogno di respirare.

2. Introduci novità e vedrai la produttività va alle stelle!

Un elemento meraviglio delle vacanze è senza dubbio l’effetto novità. Ogni cosa ci appare bella perché nuova. Che sia il luogo prescelto, l’albergo o anche solo un piatto assaggiato. Avete notato che quando torniamo a casa anche le nostre quattro mura ci sembrano belle? Ed i problemi impossibili diventano semplici ostacolo da superare? Questo è l’effetto novità. Che tu sia freelance o impiegata la routine ci devasta; ci rende noiose e ci fa perdere energie e creatività. Introdurre delle novità nella nostra quotidianità è molto importante perché ci consente di rompere gli schemi, di rivedere da altre angolazioni le cose e, ve lo assicuro, ci rende meno pistilli e stressanti (anche nei confronti di bambini e compagni).

3. Come essere più produttivi: sii spontanea come in vacanza

Per quanto ho cercato in vacanza di avere un’agenda, un percorso di esercizi non sono riuscita a mantenerli perché il giorno si confondeva con il giorno dopo e l’orologio non aveva più importanza. Quello che più mi manca delle vacanze è fare quello che mi pare all’ora che mi pare. Non sarebbe bello poterlo fare anche tornati a casa? Trovate una giornata al mese in cui l’orologio e il tempo non esistono. Andate a farvi una passeggiata, prendere lo scooter e arrivate finché non finisce la benzina, partecipate ad un party anche se non conoscete nessuno. Sì, questo elemento è strettamente legato al primo. Personalmente la cosa più importante è proprio una gita la domenica, una domenica del mese dove respirare, camminare e dimenticarmi di impegni, di agende e orari.

4. Sconnettersi per essere più concentrati

Sono consapevole che non riesco a farlo, da quando son blogger professionista vivo con il cellulare in mano. Ogni momento controllo le e-mail; instagram è diventato una droga per vedere profili di cui non mi interessa molto. Non riesco a vedere un film senza prendere in mano il cellulare. Con oggi, voglio impormi che dalla cena a quando vado a letto non tocco più il cellulare, non guardo più le mail. Ci sarò io ed un film o un libro e quando c’è il Giammy chiacchiererò con lui. Quando resto troppo connessa mi sembra sempre di non avere tempo e non considero neanche del tutto le persone importanti, senza considerare che poi mi viene l’ansia da risposta…. Staccare tutto per non impazzire, far risposare il cervello ed essere più produttive.

Questi sono esercizi difficili e importanti ma se fatti con la cadenza che vi ho indicato sarà più semplice gestire il rientro ed in generale essere più produttivi. Tu sei un disastro come me o riesci ad essere una personcina più equilibrata? Vi tengo aggiornati sui miei progressi.

Print Friendly, PDF & Email