Perché aprire un canale Youtube se hai già un blog?

Perché aprire un canale Youtube se hai già un blog?

Perché aprire un canale Youtube se hai già un blog?
by

Aprire un canale Youtube ha senso quando tutti sostengono che sia uno spazio saturo, morto e dove i guadagni stanno crollando a picco? Allora perché tutti i blogger, travel blogger italiani stanno aprendo un canale youtube? Fare video, parlare con le immagini è diventato un must, ma davvero si guadagna con youtube?

Sei un Travel blogger e Lifestyle perché dovresti avere un canale Youtube?

Il canale Youtube di Pinalapeppina: ti racconto la mia esperienza

Iniziamo subito a dire che la Pina ha deciso di aprire un canale youtube nel lontano 2012 ma che lo ha preso realmente in mano solo da gennaio 2016. E’ passato un anno e mezzo ho superato i mille iscritti ed ho guadagnato 100 euro. Non sono dati finti buttati lì a caso. Ore spese mediamente per un video? Dalle 5 alle 8 ore, quindi perché ostinarsi ad avere un canale youtube? Ha senso aprire un canale youtube oggi?

Per quanto mi riguarda davvero MI PIACE AVERE UN CANALE YOUTUBE Per me è un’altra forma espressiva per comunicare e che mi consente di farmi conoscere per davvero. Le parole possono essere travisate, modificate e interpretate anche quelle dette in un video, certo. Ma se ci metti la faccia e non cancelli i video la tua vera natura esce fuori.

aprire un canale youtbe

Un canale youtube secondo un Travel Blogger e Lifestyle

Se sei un blogger che già lavora con il suo blog ti sarei chiesto se ha senso aprire un canale youtube, se ti può portare più visite al blog e se sei in grado di competere con gli youtubers. Cercherò di rispondere ai tuoi dubbi in maniera molto concisa e netta senza ipocrisia alcuna, nel classico Pina Style 🙂

  1. Aprire un canale Youtube ha senso?

Se hai un blog ben posizionato, con visite reali mensili  ciò potrebbe non essere sufficiente per dare concretezza al tuo progetto Youtube. I video si basano su un concetto semplice: una persona dotata creatività e personalità talmente forti e identificabili da indurre lo spettatore a guardare un video dall’inizio alla fine recependo quello che sta ascoltando facendosi così ispirare nello stile di vita, nei viaggi e nella cucina (o altro).

Siamo onesti non tutti sono in grado di reggere una ripresa video. Non tutti sono in grado di parlare a voce alta, facendosi capire e restando naturali. E non tutti i blogger sono fatti da persone. Quindi se il tuo blog ruota intorno alla tua persona che è già riconoscibile sul web e non hai problemi a parlare in pubblico ed hai un tono di voce che non è una cantilena fastidiosa allora Sì apriti un canale youtube.

  1. Cosa serve per fare video su Youtube

Il web è pieno di tutorial, articoli e video. La Pina ti dice che se sei un blogger non hai bisogno di competere con gli youtubers e te ne puoi bellamente fottere delle dinamiche del social (almeno fino ad un certo punto). Vado a spiegarmi.

Non devi necessariamente fare video pazzeschi con attrezzatura super top, salvo tu non ne sia capace o non ti possa permettere di pagare un videomaker. Essendo tu una blogger hai un vantaggio competitivo: hai già un bacino di utenza che ti segue. Quindi non devi puntare sulla qualità video ma sulla qualità e coerenza dei contenuti. Non pensare neanche per un momento di staccare blog da youtube, non funzionerebbe. Il tuo pubblico vuole TE.

Quello che ho appena esposto non significa che devi fare video a casaccio e di pessima qualità, ti basterà usare la tua reflex, un microfono e delle luci  (ne trovi a meno i 50 euro su amazon) e un piano editoriale che rispecchi il tuo blog.

I blogger che hanno parecchi followers su youtube nel giro di pochi mesi ottengono 3.000 iscritti e fanno in media mille visualizzazioni a video; ciò è facilmente spiegabile. Come detto hai già un bacino di utenza quindi questo ti seguirà sul canale… MA non rimanerci male se non tutti seguiranno i tuoi video e se le iscrizioni non aumenteranno vertiginosamente.

Attenzione! Il pubblico che legge un blog non è lo stesso che vede un video. Per iscriversi ad un canale youtube serve una gmail e chi legge il tuo blog probabilmente non gliene frega niente di iscriversi al tuo canale youtube perché scoprirà dei tuoi video direttamente dal tuo blog. Ecco perché molte blogger hanno molte visualizzazioni e non tantissimi iscritti.

  1. Allora perché aprire un canale youtube? Mi serve davvero?

Quello spiegato fino a qui non vuole sostenere che hai due gruppi di pubblico diversi senza punti di contatto, anzi! Ma bisogna fare le cose con calma e con costanza.  Resta coerente al tuo blog e a te stessa. All’inizio fai video non troppo lunghi questo perché i followers del blog non sono abituati a vedere dei video; poi, crescendo, potrai permetterti di sperimentare, fare video più lunghi e “cedere” alle challenge e tag di yotubue. Così facendo non perderai per strada i lettori del blog ma, grazie alle visualizzazioni subito notevoli, attirerai le persone che guardano i video e seguendo, in una fase successiva, i trend di youtube otterrai iscritti al canale youtube che non sapevano del tuo blog.

La grande domanda: chi guarda i video verrebbe sul mio blog? Per la Pina è NO! Lo spettatore medio di youtube italia è giovane, teenager ma anche più piccini, oppure si tratta di  donne con molto tempo libero (c’è anche un’utenza maschile ma un target molto lontano dal mio per il quale non posso esprimermi); in generale chi guarda i video con una certa costanza trova noioso legger un blog preferendo contenuti immediati di intrattenimento come i video pubblicati su youtube. Spesso youtube è usato per svagarsi al posto della TV quindi difficilmente si prenderebbero la briga di scoprire il tuo blog, di leggere i tuoi articoli e capire chi sei. E’ molto più probabile che chi guarda un video e viene colpito dalla persona cercherà lo youtubers su Instagram essendo un social anch’esso fatto di immagini.

Cosa ho voluto dirti con questo articolo?

Ribadisco il concetto che youtube è un social saturo e che non basta aprire un canale per fare soldi e diventare uno youtubers, ma è indubbio che i video oggi sono fondamentali se lavori con un blog o con i social quindi devi imparare a farli. Sempre più aziende chiedono un video. La nostra mente registra l’80% delle immagini e solo il 10% di parole. I video sono così importanti che anche Facebook sta cambiando rotta.

Se sei un blogger difficilmente farai grandi numeri e potrai competere con gli youtubers, ma far vedere ai tuoi clienti che sei in grado di farli ti aprirà molte porte e ,se posso, ti aiuterà anche in una crescita personale perché stare davanti ad una videocamera ti porta a migliorarti esteticamente e nel relazionarti agli altri.

La Pina? È una povera blogger sfigata che si è buttata con blog e youtube senza avere un piano preciso ma sono una sveglia che capisce le dinamiche. Quindi so come funziona, ma l’ho capito tardi… ecco spiegato i miei poveri numeri!

Quindi tirando le somme se il tuo blog ha una linea ben definita, un buon seguito e dedicherai al canale youtube costanza e cervello, crescerai in maniera abbastanza rapida. Se hai già numeri da capogiro sul blog e sei parecchio seguita su instagram beh youtube sarà un gioco da ragazzi. Nessuna competizione con gli yotubers, ma come bloggers otterrai visibilità e ampi spazi per nuove collaborazioni.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Se vuoi sostenere la Pina nel suo progetto di crescita su Youtube, iscriviti al canale cliccando sul bottone rosso.

Non dimenticarti di ISCRIVERTI al canale ! Solo così sarai sicuro di non perderti gli ultimi video 🙂

Share

Esaurita sciura Milanese per vocazione e per residenza. Cucina, Viaggia e Fotografa in ordine sparso e casuale. Starnazza sempre. Non guida, ma va dappertutto.

Comments

  1. […] Perché aprire un canale youtube se ho già un blog? […]

Starnazza con me! [I commenti per problemi di spam sono moderati. Appena mi collego li approvo! ]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: