Shirataki: la pasta senza carboidrati. Come si cucina?

Shirataki: la pasta senza carboidrati. Come si cucina?

Shirataki: la pasta senza carboidrati. Come si cucina?
by

Pasta senza carboidrati. Il sogno di ogni italiano. Non sto supponendo, esistono per davvero e si chiamano Shirataki. Se qualche anno fa erano un prodotto raro e introvabile, oggigiorno li puoi trovare ovunque.

Cosa sono Shiritaki?

Gli spaghetti di Shirataki si presentano come dei noodles gelatinosi e bianchi. La pasta Shirataki si ricava dalla radice di konjac una pianta nativa dell’Asia orientale. La farina che se ne ricava ha la particolarità che una volta a contatto con l’acqua raddoppia i suo volume rendendola lavorabile, per questo si possono fare gli spaghetti ma anche il riso e molto altro.

In Italia la farina di konjac è già più difficile trovarla ma in un buon negozio di alimentazione naturale potreste acquistarla e cimentarvi nella pasta fatta in casa senza glutine.

In commercio è nettamente più probabile che voi troviate gli spaghetti Shirataki secchi  o  liquidi quest’ultimi sono i migliori bassissime calorie e si possono mangiare crudi.

Come’è possibile che gli Shirataki abbiano così poche calorie?

Questi speghetti sono sostanzialmente fatti di acqua e e glucomannano, un polisaccaride idrosolubile ricavato appunto dalla radice di konjak. Gli spaghetti di Shirataki quindi sono naturalmente senza glutine, ricchi di fibre e fonte di Sali minerali come calcio, ferro, zinco e fosforo.

Per 100 gr di Shirataki abbiamo dalle 7 alle 10 calorie (dipendente dalla tipologia di pasta) ed essendo a basso indice glicemico e privo di carboidrati vengono spesso utilizzati in diete per dimagrire o per diabetici.

L’unica avvertenza è di non esagerare perché potrebbe comportare gonfiore o dolori addominali.

Come si cucinano gli Shirataki?

Iscriviti al canale di Pinalapeppina per non perderti tutti gli aggiornamenti.

Come avete visto dal video sono a tutti gli effetti dei noodles per questo per chi non è abituato o non ha mai mangiato asiatico potrebbero risultare fastidiosi (in quanto gelatinosi) e di pessimo gusto. La verità che gli Shirataki da soli sanno di poco ma dato che li possiamo cucinare come degli spaghetti italiani possiamo dargli tutti il gusto che vogliamo. Nel video ti faccio vedere come preparare un pesto velocissimo con avocado e semini, ma potresti prepararli con un ragù di Tofu oppure con del pomodoro fresco o del pesto o tutto ciò che la tua fantasia ti suggerisce.

Trattandoli invece come dei noodles potremmo anche pensare di farci un bello zuppone in stile asiatico con pesce o verdura. Insomma le ricette che si possono fare sono davvero infinite se vi hanno interessato, e la ricetta ti è piaciuta in futuro posso proporvi anche altre ricette.

Mi piace sempre quando mi date un feedback perché, lo sapete, sono qui per questo!

Dove compare gli Shirataki?

Sicuramente puoi trovare gli spaghetti di Shirataki nei negozi biologici e di cucina naturale. Ormai però li troviamo anche al supermercato (di sicuro all’Esselunga perché li ho visti). Oppure in negozi di alimentazione orientale.

Il negozio online più famoso è senza dubbio Zen Pasta provate anche su Amazon da quanto si può fare la spesa online trovi molti prodotti.

Print Friendly, PDF & Email
Share

Esaurita sciura Milanese per vocazione e per residenza. Cucina, Viaggia e Fotografa in ordine sparso e casuale. Starnazza sempre. Non guida, ma va dappertutto.

Comments

  1. […] Shirataki la pasta senza carboidrati […]

Starnazza con me! [I commenti per problemi di spam sono moderati. Appena mi collego li approvo! ]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: