Se si pensa alla Thailandia e ai suoi saporiti piatti non si può che associarli al riso ed è innegabile: in Tailandia si mangia benissimo  e si spende pure poco! La cucina Thailandese è un tripudio di sapori ed è ideale anche per chi come me ama la verdura e il pesce.

Cucina Thailandese: cosa mangiare? Scopri i piatti tipici della Thailandia 

Il riso fece la sua comparsa come alimento della cucina Thailandesi già dall’VIII secolo dopo Cristo, ma è solo dal secolo successivo, grazie al progresso nell’agricoltura, che nacquero i campi nei bacini dei principali fiumi Mun, Mekong, Khao Phraya e del fiume/lago Tonle’ Sap. Lo sviluppo della coltivazione di riso permisero il sorgere dell’impero Khmer. Fu infatti grazie al riso che l’imperatore era in grado di sfamare fino a un milione di persone, tanta era già la popolazione. Capite bene che il controllo dei fiumi era essenziale per la coltivazione di riso e conseguentemente per sfamare la popolazione.

La gastronomia Thailandese si basa sul riso, il pesce con aggiunta di frutta e fughi. Con i traffici delle Indie arrivarono in Thailandia molte delle spezie che associamo a questo paese, come per esempio i chiodi di garofano. L’attenzione per il cibo, lo sviluppo di tecniche di preservazione del territorio e il commercio accrebbero ulteriormente i piatti trasformandoli sempre di più alla cucina Thai che oggi conosciamo.

Molti definiscono la cucina Thai un guazzabuglio di sapori piccanti, probabilmente non sono mai stati in Thailandia.

La cucina Thailandese si fonda su un principio: l’equilibrio di sapori e colori.

È vero che vengono utilizzati sapori diversi tra cui il piccante, l’aspro e il dolce, ma questi vengono dosati con ingegno e serviti in maniera semplice che conferiscono al piatto un sapore unico e regalano al commensale un’esperienza speciale.

Un’altra caratteristica del cibo Thailandese, che forse pochi conoscono,  è l’uso di erbe aromatiche  oltre che alle spezie.

La Thailandia ha delle similitudine con l’Italia, anche da un punto di vista geografico, anch’essa, infatti, si estende da nord a sud cambiano radicalmente clima e conseguentemente pietanza.

Ognuna delle quattro regioni della Thailandia ha la sua cucina caratteristica. Come dico sempre: “The Best Reason to Travel is EAT”.

Cosa ha mangiato la Pina a Phuket?

What I Eat in a Day: cosa se magnata la Pina a Phuket?

Iscriviti al canale di Pinalapeppina per non perderti tutti gli aggiornamenti.

I Prodotti tipici delle regioni Thailandesi

Cominciamo a dire che la cucina Thai che trovate in Europa la trovereste a Bangkok e forse nella Thailandia Centrale, ma se volete scovare la vera cucina Thailandese dovete andare oltre.

Siete pronti per un viaggio in Thailandia a base di sapori? Partiamo!

Cucina LANNA: è la cucina del Nord della Thailandia e non può che essere influenzata dai paesi confinanti quali la Bermania. I prodotti tipici sono: la curcuma, i semi di finocchio, il pesto al  peperoncino, la cotenna di maiale e un’infinità di varietà di curry.

Cucina ISSAN: è quella dell’est, la zona più rurale della Thailandia. I suoi prodotti inevitabilmente sono condizionati dalla scarsità di acqua. Piatti tipici sono l’insalata di di papaya (Som Tam) e  l’insalata di manzo tritato (Laab Nua) alle erbe.

Cucina PAKTTAI: è quella del Sud della Thailandia. Quella più nota ed è per questo che si associa la cucina Thai al piccante; in questa regione, infatti, il cibo è più piccante che in altre regioni e il cocco la fa da padrone.

Quali sono i piatti tipici della Thailandia?

Se siete arrivati fin qui a leggere avrete certamente compreso che tutti i siti internet che vi propongono i cinque o i dieci piatti tradizionali Thailandesi dicono una verità a metà. La cucina Thailandese, come quella Italiana, è influenzata dal clima, dalle condizioni economiche e varia da regione e regione.  Anche io ora vi  indicherò alcuni piatti, ma diciamo che sono i piatti più famosi della cucina Thailandese e che ho provato personalmente (non sono tutti ma i migliori tre).

PAD THAI

In cima alla lista non può che esserci il Pad Tha, se vogliamo il simbolo della Thailandia. Si tratta di un piatto di Noodles saltati in padella con verdure, tofu, carne (o pesce) e uovo. La sua caratteristica è la salsa al lime e gli anacardi tritati aggiunti solo ala fine della sua preparazione.

Diciamo che il Pad Thai è un po’ come la nostra pasta al forno, potresti viaggiare per un anno intero in Thailandia senza mai scoprire quale sia la ricetta originale! Ci sono così tante sfumature di gusto (anche per accontentare sempre di più gli occidentali) che è davvero difficile darvi una ricetta base.

TOM YUM SOUP

Una Zuppa bollente che quando me l’hanno portata mi sono detta: “Ma perché?”. Invece era deliziosa (guardate il video e vedrete!). La zuppa è a base di latte cocco con gamberi, lime, funghi e peperoncino. L’aggiunta di coriandolo non me l’ha fatta molto amare all’inizio, ma il trucco è mescolare bene e prendere la zuppa dal basso verso l’alto per far si che tutti gli elementi si amalgamino bene.

MORNING GLORY (o Pad Pak Boong)

Dite Pina e dite Morning Glory! Li amo alla follia, mangerei solo questi per giorni, ma che dico giorni…. settimane!! È un piatto di sola verdura saltato in padella con peperoncino. Talmente semplice da essere divino! Ma cosa sono esattamente? Vengono definiti spinaci d’acqua perché non sono altro che una pianta rampicante che si trova in ogni corso d’acqua. Cresce anche in Italia ma non la si sfrutta molto.

 

Travel Vlog Viaggio a Phuket a Dicembre

Qui sotto vi lascio con la playlist del mio viaggio a Phuket in dicembre.

Print Friendly, PDF & Email