Non ero mai stata a Lanzarote, ci siamo capitati quasi per caso a febbraio del 2016, su insistenza della duchessa (in arte mia madre). Mi aveva garantito che l’isola con i suoi colori verdi e blu e i suoi infiniti spazi dovuti alla morfologia vulcanica non mi avrebbero deluso.

Lanzarote mi ha stupito e catturato il cuore. Aimeh, avendo seguito una vacanza organizzata dalla duchessa (mai più) non me la sono goduta come piace a me. Ci ha fatto andare in un bellissimo hotel a Playa Blanca (H10 Lanzarote Princess) ma ciò ha compromesso moltissimo esplorazione del’isola; infatti ho intenzione di tornarci facendo tutt’altro tipo di viaggio.

Consigli per un viaggio a Lanzarote perfetto! Scopri il mio itinerario e cosa vedere assolutamente

Senza tanti giri di parole Lanzarote è l’isola più bella delle Canarie, sfido a sostenere il contrario. Paesaggi mozzafiato, ottimo cibo, costruzioni che non hanno deturpato il paesaggio e  mille attività da fare. L’isola di Lanzarote può essere una meta ideale per chi ha bimbi piccoli perché pur essendoci l’oceano non è mai caldissima o afosa, e consente alle mamme di non morire di caldo e di non annoiarsi quando i piccini devono fare i loro riposini. Perfetta per chi vuole camminare (che sia trekking impegnativo o semplici passeggiate lungo la spiaggia). Imperdibile se si praticano sport di acqua.

Lanzarote però sa essere anche una meta romantica, con i suoi angoli nascosti e i suoi imperdibili tramonti e che dire della gastronomia? Pesce come se non ci fosse un domani e vigne da far girare la testa! Qualsiasi sia il motivo per il  quale ti porta a valutare una vacanza alle Canarie, io non avrei dubbi: Lanzarote.

L’isola di Lanzarote in due minuti

Itinerario di 10 giorni a Lanzarote: il mio viaggio

Informazioni generali

  • Giorni: 10 giorni 28 febbraio 6 marzo.
  • Area interessataIsola di Lanzarote, Canarie – Spagna
  • Costo del Viaggi:Lanzarote può diventare un viaggio Luxury o lowcost dipende da come lo organizzate. Lanzarote da Milano, Bologna, Roma e Pisa quindi ad organizzarsi per tempo si risparmia sul volo. Puoi decidere di pernottare in hotel con piscina riscaldata, se non ami l’acqua freddina dell’oceano e le onde, oppure in appartamento o in un piccolo hotel. Il costo della vita sull’isola non è eccessivo e mangiare dell’ottimo pesce non ti costerà tanto.
  • Quando andare: i mesi di aprile e maggio per me sono i migliori. Il periodo più affollato va da giugno a settembre come sempre il periodo delle vacanze estive è il più gettonato. Il clima a Lanzarote è sempre molto piacevole, anche a febbraio e marzo puoi trovare splendide giornate di sole con 24 gradi di media. Cero c’è il fattore vento ed escursione termica tra il giorno e  la sera, ma se state cercando una vacanza di relax in piena natura Lanzarote non delude. L’acqua essendo oceanica resta piuttosto fredda tutto l’anno e il vento non abbandona mai l’isola, infatti è famosa per le gare di surf, certo è che si va in estate piena il sole sarà alto e permetterà di scaldare di più l’acqua (basta puntare spiagge più riparate). Potreste anche optare per del sano trekking nell’isola di Lanzorote (ve lo consiglio!) e quindi prediligere il periodo di fine febbraio metà aprile per godere appieno dell’esperienza senza la calca di turisti. Lanzarote di inverno, assolutamente si. Niente bagno ma puro relax e pochissime persone.

Mezzi utilizzati per muovermi a Lanzarote:

  • Volo Aereo Milano – Lanzaorte con Ryanair
  • Taxi da aeroporto al playa blanca (dove alloggiavamo). In realtà c’è anche un comodissimo autobus che parte da Playa Blanca per l’aeroporto che abbiamo invece preso al ritorno. Si risparmia, la strada è tranquilla i bus nuovi e confortevoli.
  • noleggio motorino per girare l’isola di Lanzarote. Esperienza che conisglio solo se non avete intenzione di girare molto e siete nei mesi caldi, il vento è davvero molto forte e questo vi farà sentire di più le vibrazioni e stancare molto. Noi abbiamo fatto tutta l’isola in motorino.
  • Noleggio auto: assolutamente se volete godere appieno dell’esperienza dell’isola e non avere lo stress di essere legati a tour organizzati. Oltre le solite mete Lanzarote offre numerosi scorci e piccoli paesini da scoprire. Avere l’auto vi consentirà di essere esplorarla la meglio!

Premesso ciò che vi ho detto all’inizio che è stata una vacanza più da Sciura Milanese che da Pina selvaggia, siamo comunque riusciti a visitare tutta l’isola.

Direi che possiamo suddividere le escursioni imperdibili di Lanzarote tra nord e sud.

Escursioni Lanzarote Nord

Cueva del los Verdes

Le grotte segrete di Lanzarote (Cueva del los Verdes) sono delle grotte vulcaniche nate con grotta vulcanica, l’eruzione  del Monte Corona avvenuta più di 5.000 anni fa.

La visita dura massimo 1 ora il costo del biglietto è di 9 euro (c’è la possibilità del ridotto per i bambini fino ai 12 anni). Le grotte sono facilmente raggiungibili noleggiando un auto. Davanti c’è un ambio parcheggio. E’ comunque possibile arrivarci con mezzi pubblici o tramite gite organizzate degli hotel.

Qui post dedicato e vlog girato nelle Grotte.

Mirador del Rio

Situato nella punta più a nord dell’isola a 500 metri. Il Mirador è una scogliera dove si ha una vista mozzafiato, l cosa che non ho molto gradito è dover pagare per poter godere della vista. Cosa che in onesta non ho fatto. Mi è pasciuto molto arrivare in cima, poi mi sono goduta un bella passeggiata vedendo la bellissima isola Graciosa che si trova davanti.

Haria e Casa di César Manrique

Entrambi vicini, molto suggestivi ma che la Pina, a fronte dell’obbligo di tornare in hotel  a cenere, non è riuscita a vedere come avrebbe voluto.

Haria  è un piccolo paese sempre nel nord di Lanzarote. Il Paese più verde che c’è dato che per ogni nuovo nato è stato piantata una palma rendendo la valle verdissima, una bella contrapposizione al nero lavico dell’intera valle.

La casa di César Manrique va vista per onorare uno dei personaggi più importanti dell’isola. Se Lanzarote è l’unica isola ben conservata senza palazzoni  mostro è solo grazie a Manrique che non solo ha reso unica l’isola con le sue opere, ma grazie alla sua fondazione ha evitato che gli spagnoli costruissero in ogni dove (e poi ci lamentiamo noi italiani).

Ho raccontato della Fondazione Manrique e del perché a Lanzarote le case sono tutte bianche in un bel post, dove c’è anche un bellissim video. (link all’articolo).

Escursioni Lanzarote Sud

Se il nord si caratterizza per il verde, per il vento e i terrazzamenti, il sud, senza ombra di dubbio, è la terra per rilassarsi e godere di tutti i comfort.

Nel sud di Lanzarote sono molte le spiagge lunghissime e  con tutte le sfumature di blue e verde. Noi abbiamo deciso di alloggiare a Playa Blanca (l’unico consiglio buono della duchessa) che ha una bellissima passeggiata fronte mare e un porticciolo simpatico dove si mangia divinamente.

Nella zona sud di Lazarote sorgono spiagge inserite tra le più belle del mondo, tra queste Playa Papagayo .

Parco del Timanfaya

Escursione imperdibile con i bambini, ma in realtà qualsiasi sia la tua età! Sconsiglio il tour organizzato perché spesso gli hotel ti portano al Parco del Timanfaya  e poi in altre spiagge rendendo tutto molto rapido, cosa che a me stressa! Certo se avete optato per una vacanza in hotel allora meglio così se no avete l’effetto opposto, non riuscireste a vedere tutto.

Il parco comunque si può visitare esclusivamente con l’autobus e non vi permetteranno di fare delle escursioni, ma è comunque un bel giro. Vi prego non andate sui cammelli, ditemi che mi date retta. I cammelli sono la cosa più stupida che si sono inventati al Parco del Timanfaya  . Onestamente non mi sembravano ben tenuti e soprattutto non capisco l’esigenza di salire su un cammello in fila indiana quando basta che vi fermiate a caso in tutta Lanzarote per andare in esplorazione sulle rocce in tutta sicurezza (cosa che vi assicuro piacerà a tutti, grandi e piccini!).

Per informazioni pratiche e un video stupendo clicca qui.

Los Hervidores

Qui la Pina si è innamorata di Lanzarote è ha deciso che ci sarebbe tornata per fare trekking e dormire in qualche casetta sperduta nel nulla (oltre che sfondarsi a dovere di pesce e patate!).

Los Hervidores è una scogliera a picco sul mare dove tu ti senti così piccino davanti alla maestosità della natura. I tuoi piedi sono ben piantati nel terreno lavico, davanti a te la forza dell’oceano con le sue sfumature di blu. Intorno il nero, il marrone della lava.  Un consiglio: levati le scarpe e comincia a correre sulla cenere e urla tutte le cose brutte che ti sono accadute. E’ liberatorio e poi sarai pronta per una mangiata di pesce! Poco lontano si trova il lago verde (El golfo) chiamato così per il suo colore verde .

Per vedere la Pina che mette in pratica i suoi consigli c’è un video e un post su queste meraviglie (clicca qui).

Vi ho indicato le cose principali di Lanzarote, non sono tutte. Non vi ho parlato della parte centrale dell’Isola con la Geria, una distesa di vigne nel terreno nero lavico un paesaggio lunare con un ottimo vino. E’ rimasto fuori anche il mercato all’aperto di Teguise (solo la domenica) ma vale la pena un giretto a Teguise, il famoso paesino dalle porte verde. Qui ho acquistato una marmellata di cactus spettacolare. E ci sarebbe ancora molto altro da dire sull’isola di Lanzarote.

Sul mio canale Youtube troverete la Playlist dei video, delle diverse aree dell’isola, qui invece tutti gli articoli dedicati all’isola di Lanzarote.

 

Print Friendly, PDF & Email