Quando si fanno viaggi oltreoceano si vuole sempre vedere tutto e spesso il tempo a nostra disposizione non è infinito. Si finisce così per scarpinare come dei pazzi senza fermarsi un attimo. Pensate invece ad andare in montagna, nel silenzio a contatto con la natura. Immaginate di poterlo fare mentre state visitando una Nazione piena di colori e avventura come è il Perù.

Il Perù, mia futura meta ve lo dico, sta prendendo sempre più piede come meta turistica perché riesce a coniugare il senso dell’avventura a quello del relax e buon cibo. Pochi però sanno che i Perù è una meta ideale per gli amanti del trekking e della montagna. Se non siete degli esperti ma volete comunque essere a contatto con la natura la vostra tappa deve per forza essere il Parco Nazionale Huascarán, situato nel dipartimento di Ancash. In altre parole un paradiso terrestre.

Trekking in Perù: scopri il parco nazionale Huascarán 

Huascarán

Il Parco Nazionale Huascarán è un luogo straordinario, Dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 1985, che si estende su una superficie di 340 ettari, occupando la quasi totalità della Cordillera Blanca e ospita al suo interno oltre 600 ghiacciai, più di 200 montagne con vette tra i 2.000 e i 6.768 metri, quasi 300 laghi e 44 fiumi, protegge specie straordinarie come la gigantesca pianta Puya Raimondii, l’orso dagli occhiali e il condor andino. Diverse sono le escursioni che potrete organizzare con la famiglia e gli amici alla scoperta di questo luogo magico.

All’interno del Parco potete pensare di organizzare diverse escursioni adatte a tutta la famiglia. Immaginate una vacanza diversa, nel cuore del Perù a contatto con la natura. Ecco alcune idee.

Il ghiacciaio di Pastoruri

Foto di @GabrielaBazan

Foto di @GabrielaBazan

Se volete innamorarvi perdutamente della forza di Madrenatura, un’altra meta imperdibile è il ghiacciaio Pastoruri (5.240m). E fossi in voi penserei già a fissare un volo per il Però perché aimeh il ghiacciaio è destinato a scomparire a causa del riscaldamento globale

Il Perù vanta diversi ghiacciai certamente quello di Pastoruri è tra i più accessibili a sud di Huaraz. Una strada sterrata che si incunea su un altopiano stepposo, tempestato di lagune e punteggiato da esemplari di Puya Raimondii, vi conduce fino alla base di questa montagna di ghiaccio, dove troverete alcuni ristorantini improvvisati dagli indigeni che offrono caldo de gallina (brodo di gallina), choclo caliente (pannocchie di granoturco bollito) ma soprattutto  mate de coca per evitare il soroche, mal di montagna.

Lungo il percorso, vedrete spuntare improvvisamente la macchia scura della laguna di Patococha, uno specchio d’acqua melmosa che prende il nome dai patos, anatre selvatiche che popolano il luogo e poco dopo la fonte de Agua Gasificada, una polla d’acqua minerale gasata naturalmente e saporita di sali.

Qualche centinaio di metri più avanti un’altra sosta per ammirare la foresta di Puya Raimondii, particolari piante alte 10 metri appartenenti al gruppo delle bromeliacee. Specie endemiche delle Ande, impiegano cento anni a maturare sino alla fioritura, quando ciascuna pianta viene coperta da migliaia di corolle.

Gemme tra i monti: Llanganuco e Laguna 69

Foto di @bilthon

Foto di @bilthon

Una strada battuta risale la Valle di Llanganuco fino ai due magnifici laghi omonimi, chiamati anche Laguna Chinancocha (‘laguna femmina’) e Laguna Orconcocha (‘laguna maschio’), raggiungibili con un’escursione da Huaraz oppure da Yungay. Nascosti in una valle glaciale, i due specchi d’acqua incontaminati risplendono nei colori del verde smeraldo e turchese. Un sentiero di mezz’ora costeggia il Lago Chinancocha e proseguendo su una strada sterrata si raggiunge un mirador con magnifica vista sulle imponenti cime del Huascarán (6.768m), del Chopicalqui (6.345m), del Chacraraju (6.108m), del Huandoy (6.395m) e altre ancora.

Se si prosegue ancora per qualche chilometro, si raggiungono le sponde della Laguna 69, ad un’altitudine di circa 4.500 metri sul livello del mare, una delle attrazioni più affascinanti ed imperdibili dell’intero Parco Nazionale Huascarán. Qui, le cascate, i torrenti di montagna, i ghiacciai e moltissime cime innevate di austera bellezza, puntellano i dintorni in qualsiasi direzione si volga lo sguardo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questo articolo è scritto grazie alla commissione peruviana che vuole promuovere il proprio territoro. Il Perù è una meta che mi affascina e chi mi sta chiamando a gran voce. Io che sono fatta di colori, natura e mi cibo di sorrisi e amo camminare a più non posso non posso non veicolare un territorio così magico.

Per ulteriori informazioni, visita il sito http://www.peru.travel

Se vuoi scoprire il Perù su social questi i canali:

Facebook: www.facebook.com/visitperu

Instagram: Instagram.com/peru/

 

Print Friendly, PDF & Email