Non ci possiamo certo definire dei motociclisti che ad ogni occasione prendono e pertanto. A dirla tutta all’inizio la moto era il mezzo principale per spostarci ma ora diventa sempre più complicato. Diciamo che siamo motociclisti della domenica.

La scorsa Domenica, complice la bella giornata e il grande esito, ci siamo detti che l’unico modo per non rimanere ore in coda era farsi un bel giretto in moto. Ma da Milano quale poteva essere l’itinerario più semplice da fare con trenta gradi all’ombra? Abbiamo optato per il passo Penice che on i suoi 1.149 metri concede un bel fresco senza essere troppo impegnativo.

Fare il passo Penice in moto è uno di quei giri da motociclisti di primo pelo o se dovete provare una nuova motocicletta o portare con voi passeggiare non particolarmente abituati. Potete, mentre fate il giro, fermarvi quante volte volete tra le vallate o nei vari borghi a mangiare qual cosina. Poi, ovvio, se volete farvi un’unica tirata perché siete motociclisti esperti ma non volete massacrarvi il passo Penice è perfetto.

passopenice

Itinerario consigliato per il Passo Penice

Comincerete il vostro giro in moto a Voghera e punterete al passo Penice per poi “scendere” a Bobbio, nel piacentino. Il percorso in totale sono appena 58 chilometri ma ne vale la pena!

Da Voghera superate il ponte Ross e indirizzatevi per Via Negrotto Cambiaso che poi dopo diventerà la SP51 fino a Retorbido, per poi diventare SP1 per 3 chilometri, fino a  Rivanazzano Terme. Come dice il nome Rivanazzano ci sono le terme e la Pina ci va spesso qui il post.

Ora non vi resta che puntare al passo Penice e discendere in direzione Bobbio e scavallare nel territorio dell’Emilia Romagna.

Vlog della Domenica: Da Voghera al Passo Penice

ISCRIVITI AL CANALE per non perderti tutti gli aggiornamenti: youtube.com/user/PinaLaPeppina

Link diretto: http://bit.ly/PUHLLP

Come potete vedere dal video noi altri abbiamo fatto tre tappe in tutto. Ci siamo fermati a  Rivanazzano Terme piccolo borgo grazioso sulla strada che porta a Rivanazzano. Poi ci siamo fermati a mangiare subito dopo e infine, complice la festa degli alpini, a Bobbio. Questo per dire che è davvero un giro della domenica!

Print Friendly, PDF & Email