Momento autocritico. Scrivo questo post di sera tarda, con l’aria condizionata a 22 gradi e le zanzare che stanno divorando il mio polpaccio gonfio. Scrivo forse perché