A scuola, da bambina, abbiamo provato diversi sport. Il professore delle medie sosteneva che ogni sport doveva essere quanto meno provato, soprattutto quelli di squadra. Sosteneva che il vero gioco di squadra non è nel calcio, dove siamo abituati a idolatrare l’attaccante che segna e in rari casi il portiere para tutto. Il mio Prof. credeva negli sport dove ci si sputava sangue, sudore e abbracci.

Certamente uno di questi sport è la pallavolo che ho amato tanto e, dove sotto rete, nel mio ruolo di alzatrice mi sentivo un piccolo gigante. Però ci sono sport che ho provato per pochissimo tempo ma che ho ugualmente amato. Uno tra tutti hockey. Forse era per i lividi sulle caviglie, forse perché nulla era scontato. O forse perché, non mi chiedete perché, mi sembrava l’evoluzione del basket altro sport da me molto amato e, data la mia altezza, impraticabile.

Riflettendoci bene devo però  sottolineare che la scuola non ti fa capire quali siano gli sport praticabili e, cosa più importante, non ti insegna ad essere uno sportivo.

Essere uno sportivo non significa avere un corpo da urlo ed essere sodo, quello è un fattore collaterale del sudore che hai sputato.

Essere uno sportivo, vero, significa prima di tutto donarsi. Dare allo sport, alla squadra, a chi ti segue, dall’allenatore alla mamma fino al tizio che si scaccola in ultima fila. Donarsi, regalare il meglio di se stessi. E, la cosa davvero straordinaria, che dai  allo sport perché ti fa star bene. Chi è sportivo lo sa, donare sudore, anima e corpo ti fa tornare indietro urla, gioia, esaltazione, pianti e vittorie.

Essere uno sportivo significa allenamento,devozione, sacrificio e costanza.

Ogni primavera i media ci scassano le balle con la prova costume quando, lo sappiamo tutti, basterebbe muover il culo tutto l’anno. Che poi, diciamolo, essere attivi ti permette di andare al doppio della velocità. Fare e pensare più cose e farle e pensarle bene e nella metà del tempo.

Se sei uno sportivo, hai un animo buono e coraggioso, non te ne frega un cavolo della prova costume e di quello che può sembrare. Perché TU, sportivo, sei vivo ed ogni scatto del tuo muscolo è gioia, dolore e condivisione.

Essere uno sportivo. Giustoappunto. Ma allora perché non possiamo essere anche delle strafighe sportive con la voglia di vincere, sputarci in faccia ed arrivare alla meta?

Già, perché?

rugby2

Perché ci sono ragazze maravigliose, fighe e sportive che fanno fatica ad andare agli europei?

Venerdì sera all’evento annuale di Stiletto Academy ho conosciuto una bella rappresentanza della Nazionale Italiana di Touch Rugby.

La prima cosa che ho visto in loro, non era il solo fatto che fossero delle belle ragazze, ma la complicità, la condivisione e quel muoversi agile che solo i veri sportivi hanno.

twitter

Le ragazze  hanno cominciato a raccontarmi del loro desiderio, anzi lo hanno già fatto, di iscriversi all’Europeo 2016 di Touch Rugby mi sono detta “yeah! Figo” e poi hanno continuato il racconto. Mi hanno spiegato che sono pronte, cariche, cattive ci credono, lo vogliono vincere. La finale si terrà in Italia vicino a Brescia, e loro vogliono esserci, in prima fila. MA… ma hanno bisogno di noi.

Hanno bisogno di tutto il sostegno di quelle donne che ogni giorno si sentono dire che “è roba da maschi” ma anche di quei maschi che non possono fare certe cose che se no sono “femminucce”. Hanno bisogno di coraggiosi, di intoccabili che vanno diritti alla meta.  Un sostengo generoso e concreto per aiutare la nazionale femminile di rugby a sostenere le spese che comporta un Europeo.

ragazzeRugby05
#RoadtoJersey: sosteniamo le ragazza per andare agli Europei di Toch Rugby

Per poter affrontare  le spese dell’europeo la Nazionale femminile di Touch Rugby  ha lanciato una campagnia di di crowdfunding.  Tutte le info sul sito della campagna: http://splitit.it/road-to-jersey

Puoi fare una donazione, di qualsiasi cifra ti dica il cuore.

Ma sappi che insieme alla tua donazione puoi anche acquistare una t-shirt o una canotta ed urlare anche tu: “I’m #unTOUCHable !!”.

Per me sono le mie eroine. Io le voglio in finale, davanti a tutti e sempre più in alto. E poi, vi assicuro, che è una figata pazzesca il rugby!! Le ragazze po vi danno una scarica elettrica da farvi rimpiangere tute le volte che siete state su quel fottuto divano! Indossare questa maglietta è come indossare una tuta da supereroe e non può essere altrimenti perché loro sono le fantastiche ragazze della nazionale rugby!!

Io le amo, le sostengo e ho anche deciso di fare un allenamento con loro.  E tu che aspetti?

Preciso che non faccio tutto questo per il terzo tempo, o forse si? o_O

Sostieni le ragazze della Nazionale Touch Rugby

Print Friendly, PDF & Email