Con quale criterio scegli le destinazioni dei tuoi viaggi e delle tue vacanze?

Dietro a questa domanda si nasconde un’utopia: “La Vacanza Perfetta“. Può essere piuttosto semplice o molto difficile, dipende da voi. In vacanza non tutto può andare come vorreste, soprattutto se scegliete vacanze con itinerari  avventurosi. Certamente se state una settimane fissi in un resort ci si agura che vada tutto liscio. Ma poi….! E’ la presenza di imprevisti a rovinarci una vacanza? Io non penso.

Nei miei viaggi mi sono successe cose davvero spiacevoli: vomitare in un volo intercontinentale per più di tre ore, perdere un volo per dei controlli alla frontiera, essere derubati ect. Nonostante queste esperienze negative non sosterrò che non è stata una bella vacanza. La perfezione non esiste. Ricordandoci questo concetto banale ma fondamentale e passiamo oltre.

travel

1) Chiarisciti le idee

Non si può pensare di avere una vacanza favolosa senza capire che tipo di viaggiatore si è e cosa si cerca. Vuoi una vacanza completamente rilassante? Avventurosa? Hai dei figli? Viaggi con il cane? Le risposte a queste domande fanno sì che tu debba per forza arrivare a dei compromessi.

Dopo che hai deciso quale sarà la tua vacanza puoi decidere con chi andare in vacanza. Non fate l’errore di dire “con amici” e poi tu sei l’unica avventurosa del gruppo!

2) Scegliere la meta della vacanza

Sicuramente la scelta del tipo di vacanza incide. Altrettanto se si viaggia con bambini, anziani, animali ect. Non sottovalutate il fattore cibo. Se, ad esempio, avete numerose intolleranze attenti a certe destinazioni e a una vacanza avventurosa perché potreste patire la fame!

Una volta scelta la vostra meta dovete sempre verificare la situazione paese, ovvero: clima e sicurezza. Non commettete l’errore del “ma ci vanno tutti” oppure “ma andiamo in Europa”. Informarsi va sempre fatto. Ed è anche bello leggere “nulla da segnalare”.

Sul sito della Farnesina, viaggiaresicuri.it, non troverete solo informazioni (sempre aggiornate) sulla situazione politica di un paese, ma ci sono sezioni dedicate alle vaccinazioni, all’assistenza sanitaria e ai documenti necessari per poter andare in un determinato paese.

Consiglio inoltre di registrarsi sempre per dire che siete in un determinato paese. Questo serve perché qualora le condizioni del paese che avete scelto cambiano mentre siete in viaggio e c’è l’esigenza di tornare in Italia, sarà più semplice trovarvi e recuperarvi! Fatelo anche se andate, non so, a Londra! Questo è una cosa che fanno davvero in pochi, invece, secondo me, è segno di rispetto nei confronti dell’Italia ma anche dei vostri parenti con cui per un qualsiasi motivo potreste perdere le comunicazioni.

Lo stesso Ministero degli Esteri scrive:

  • Informatevi: Il sito www.viaggiaresicuri.it, curato dall’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione con l’ACI, fornisce informazioni quanto più aggiornate possibile su tutti i Paesi del mondo.
  • Informateci: Prima di partire potete anche registrare il vostro viaggio sul sito www.dovesiamonelmondo.it indicando le vostre generalità, l’itinerario del viaggio ed un numero di cellulare. Grazie alla registrazione del vostro viaggio, l’Unità di Crisi potrà stimare in modo più preciso il numero di italiani presenti in aree di crisi, individuarne l’identità e pianificare gli interventi di assistenza qualora sopraggiunga una grave situazione d’emergenza.

Tutti i dati vengono cancellati automaticamente due giorni dopo il vostro rientro e vengono utilizzati solo in caso d’emergenza per facilitare un intervento da parte dell’Unità di Crisi in caso di necessità.

Oltre che via internet, potete registrarvi anche con il vostro telefono cellulare, inviando un SMS con un punto interrogativi oppure con la parola AIUTO al numero 320 2043424, oppure telefonando al numero 011-2219018 e seguendo le istruzioni.

  • Assicuratevi: Suggeriamo caldamente a tutti coloro che sono in procinto di recarsi temporaneamente all’estero, nel loro stesso interesse, di munirsi della Tessera europea assicurazione malattia (TEAM), per viaggi in Paesi dell’UE, o, per viaggi extra UE, di un’assicurazione sanitaria con un adeguato massimale, tale da coprire non solo le spese di cure mediche e terapie effettuate presso strutture ospedaliere e sanitarie locali, ma anche l’eventuale trasferimento aereo in un altro Paese o il rimpatrio del malato, nei casi più gravi anche per mezzo di aero-ambulanza.

guide

3) Pianifica

Una volta scelta la tua meta è tempo di studiare. Se non hai voglia, o tempo, esistono ancora le agenzie di viaggio! Se invece vuoi fare da te non dormire, informati!

Su Internet

Ci sono centinaia di siti e blog di viaggi. Il mio consiglio è di stare molto attenti. Spesso le persone copiano e incollano articoli, senza verificare la fonte, solo per guadagnare dalla pubblicità. Internet serve per leggere le reali esperienze degli altri, non per  risparmiare i soldi per una buona guida turistica.

Inoltre ricordate sempre  che all’estero (in Italia ahimé siamo carenti) esistono degli ottimi siti sulle vostre destinazioni. Una volta scelta la meta cercate il sito ufficiale dei trasporti pubblici e delle principali attrazioni. Sicuramente troverete informazioni sugli orari, guide e mappe da scaricare tutto gratuitamente. Le informazioni sono in inglese, ma se si viaggia non si può fare a meno di capire quattro parole di inglese!

In Libreria

Andate in libreria e capite qual’è la guida che fa per voi. Non sempre tutte le mete sono disponibili… anzi! Ma lo sfogliare la guida vi farà capire cosa vi serve.

Le guide della Lonely Planet sono le più usate ma anche le più ricche di informazioni. Dipende cosa vi serve. Se state organizzando un viaggio on the road per uno stato (Giappone, Florida, Australia, Messico, Caraibi ect) fa al caso vostro. Comporterà l’acquisto mesi prima e una lunga e accurata lettura. Vi aiuterà, insieme a internet, alla scelta di tappe e giri da fare. Se state organizzando una vacanza più semplice forse è eccessivo.

Le guide Mondari a me piacciono molto. Sono essenziali e ricche di immagini che talvolta aiutano! Spesso non si capisce la lingua e i cartelli non sono scritti in inglese, e sapere che faccia abbia il vostro monumento o la vostra strada può fare più di mille parole. Inoltre le guide contengono suggerimenti di itinerari che si rivelano sempre molto interessanti. Ideali anche se avete bambini perché catturano la loro attenzione e arricchiscono le loro menti! Un po’ meno affidabili quando si tratta di mangiare e dormire.

Le guide del Touring Club, principalmente quelle “verdi”, ottime per pianificare la visita in un determinata regione o città. A colpo d’occhio riesci a capire le cose da non trascurare, ti suggeriscono gli itinerari a piedi, sono precise e puntuali come un condensato di architettura e storia dell’arte messi insieme. Unico difetto: sono carenti nella parte “divertimenti” (locali, ristoranti, birrerie, ecc.), per cui arrivato a sera le devi affiancare a qualche altra guida pratica (tipo “in your pocket”).

Le guide Routard, come la Lonely Planet, sono ricchissime di informazioni, puntuali sui divertimenti, attente a elencare le soluzioni “budget” per i più attenti a come spendono i propri soldi. Però possono risultare meno pratiche da consultare durante il viaggio. Come per le Lonely Planet aiutano ad organizzare il viaggio. Le Routard ultimamente stanno facendo anche versioni più little e divertenti, spesso però sono solo in francese.

Queste solo alcune delle guide, le più famose. Fatti un’idea e poi a mio avviso comprale su Amazon. Sei sicuro di trovare la tua destinazione e sopratutto potresti spendere anche meno. Se il viaggio è particolarmente complesso dovrai comprare più guide, una stile Lonely per organizzare il viaggio, e poi una pocket per determinate città o da avere in tasca alla bisogna.

Non dimentichiamoci le mitiche TOP 10, ovvero le guide condensante! Per chi visita una città in poco tempo e gli serve l’essenziale.

panic

3) Prenota

Siamo arrivati al momento di spender i soldi! Qui ci vorrebbe un articolo specifico su come comprare al miglior prezzo. Vorrei solo dire di non credere ad una parola di quello che leggete su internet perché trovate cose ormai vecchie e non sempre veritiere. La parola Low Cost oramai ha perso di significato.

Alitalia, che di certo non rientra in questo concetto, vi offre voli diretti per NY e Tokyo a prezzi competitivi e in maniera sicura. Questo è solo un esempio di come oggigiorno si abusi di termini come “last minutes” e “prenota prima”.

Sui soldi non si scherza e dipende sempre dalle possibilità e da come si vuole viaggiare, quindi usate la testa e non fatevi contagiare dalle mode.

Valutate voi se vi va bene o meno. Cercate su internet prima di tutto i voli. Evitate i pacchetti perché spesso offrono orari assurdi e resort non propriamente fantastici. Non schifate i cataloghi, in quanto gli stessi tour operator offrono offerte se prenotate online. Guardate con anticipo i voli, non credete ai last minutes (in dieci anni mai trovato uno.. .). Se, come la maggior parte di noi, dovete andare in vacanza in agosto non riducetevi all’ultimo, non solo non risparmiate ma vi dovrete accontentare delle soluzioni.

La sistemazione: hotel, resort, villaggio, B&D, Guest House. Dipende da voi…. e dalla vostra destinazione. Paese che vai sistemazione che trovi! :)

4) No Panic

Se fate le cose con calma, godendovi anche l’organizzazione del viaggio, arriverete preparati, eccitati, e pronti per la vostra vacanza!

Print Friendly, PDF & Email