Ma buongiorno!

Dalla finestra non vedo altro che nebbia, ma anche questo è il fascino di Milano. Erano anni che non si vedeva più la nebbia. Si beh forse non è proprio tipica di dicembre, sarebbe dovuta arrivare magari un pochino prima.

Camminando per le strade le prime luci si fanno vedere, la galleria è illuminata a festa e spicca il meraviglioso albero di Swarovski. In piazza del Duomo sono giornate in compagnia dei poliziotti e delle ruspe. Hanno portato un albero altissimo, forse un pochino spelacchiato, ma non vedo l’ora che sia sabato per poter sbirciare gli addobbi!!

Insomma tutto in torno a noi ci ricorda che sta cominciando Natale. Personalmente, a differenza dell’anno scorso lo sto sentendo un pochino meno, non so se è dovuto alle tantissime cose da fare o, senza nasconderci, i fatti di Parigi ci hanno un pochino abbattuto.

Oggi vi propongo un primo caldo, goloso di quelli che non cucineresti se non leggessi la ricetta. Parliamo di pasta al cavolfiore. Non son mai stata un’amante della pasta e cavolo. Amo il cavolfiore, cavolo romano, cavoletti e che cavolo! (mamma simpatia portami via 🙂 )

Vi assicuro, però, che questa ricetta per la pasta con il cavolfiore saprà ammaliarvi e farvi godere i sensi. L’ho preparata almeno due mesi fa ma, ora che ci penso, potrebbe anche essere perfetta per qualche cena di augurio natalizio.

Sapete che sul blog le ricette di Natale sono alla portata di tutti, non voglio farvi impazzire e sono consapevole che non tutti posseggono il tempo, una cucina da 5 metri e la maestria per fare grandi pietanze. E comunque, come dico sempre, la golosità del piatto non sta nella difficoltà!

cavolfiore02

Pasta al Cavolfiore

Ingredienti per 4 persone

300 gr di pasta corta (perfette le orecchiette!)

1 cavolfiore non troppo grosso

200g r di lardo

2 pere

1 limone

mezzo bicchiere di vino bianco secco

4 cucchiai di pecorino grattugiato

olio, sale e pepe

cavolfiore02

Preparazione

Puliamo il cavolfiore, dividendolo in cimette. Fate bollire dell’acqua salate e lessatevi il cavolfiore per 10 minuti. Poi prendere il cavolfiore, ma lasciate l ‘acqua e utilizzatela per la pasta. Questo è un buon modo per non sprecare acqua, ma anche per insaporire di più la pasta. Fatelo sempre quando fate della pasta con della verdura!

Nel frattempo tagliate la pera, senza pelarla (quindi consiglio di lavarle bene e magari prenderle non trattate). Bagnate le pere con del succo di limone così non diventeranno nere.

In una padella antiaderente fare rosolare il lardo a fuoco lente finché non diventa trasparente e croccante. Scolatelo su carta da cucina per eliminare il grasso.

Poi in un’altra padella (o nella precedente pulita) mettete un goccio di olio, le pere e fate andare finché le pere non saranno d’orate. Sfumate con del vino bianco e lasciate che le pere diventino morbide. (fuoco moderato per 2/3 minuti).

Scolate la pasta e ripassatela in padella (quella delle pere) con cavolfiore una mangiata di pecorino e il lardo alla fine.

Vi assicuro che da presentare per le feste non è il solito piatto ma farà dire a tutti: Gnam!

Print Friendly, PDF & Email