Non sono mai andata in palestra. Non ho mai seguito un solo corso di fitness e non mi piacciano le donne con la tartaruga. Io voglio stare bene, sentirmi attiva e sorridere.

La vita di un individuo è la vita del suo corpo“. Alexander Lowen (1998)

Perdere il controllo del proprio fisico equivale a perdere il controllo su noi stessi e le nostre emozioni. Io l'ho provato sulla mia pelle e ho detto basta.

Azione e movimento hanno un ruolo centrale nella nostra vita perché sono la rappresentazione mentale di ciò che siamo. Pensateci un attimo. Fin da bambini abbiamo esplorato il mondo che ci circonda muovendoci. Solo con piccoli passi abbiamo potuto avere la percezione del mondo intorno a noi e di quello che siamo. Ora che siamo aduli non ha alcun senso dimenticare da dove siamo partiti

Lo stress ci provoca tensione muscolare e, indipendentemente che sia acuta o cronica, ci blocca il nostro stato di benessere. La tensione muscolare non va sottovalutata. All'inizio sono contrazioni volontarie che con un poco di esercizio si allenta ma se trascurata può diventare cronica, quindi inconscia e diventa una costante nella nostra vita. Nei casi più gravi il muscolo rimane in tensione senza essere più capace di tornare ad espandersi. E tutto questo perché abbiamo perso il controllo sul nostro corpo. Fossi in voi mi guarderei allo specchio e urlerei “Fanculo Io mi voglio bene”.

La tensione muscolare, anche se circoscritta, da fastidio ad altri muscoli, al sistema nervoso e ci altera la percezione delle sensazioni limitando i nostri movimenti e non permettendoci di condurre una vita serena.

La tensione muscolare influisce sulla nostra postura che ci induce a compensare con movimenti sbagliati. Una postura scorretta crea un effetto domino: disturbi digestivi, visivi e percettivi. Non siamo in grado di dormire bene, non riusciamo più avere un normale ciclo di sonno (inteso come riposo muscolare e mentale) sveglia e attività. Le tre azioni si accavallano, si mischiano tra loro inducendoci ad uno stato di stanchezza perenne.

io

Io l'ho provato sulla mia pelle. Stavo seduta dieci ore, e oltre, al computer. Uscivo dal lavoro stanca, con le gambe gonfie, il mal di stomaco da nervoso e una rampa di scale per prendere la metropolitana mi faceva sentire i miei polpacci duri. Avevo male alle gambe, piedi e mani gonfi. Non sono mai stata grassa, ma ho sempre avuto la pancia gonfia e le cosce con le vene in vista. Un bello spettacolo per una donna che non arrivava neanche ai trenta.

Sono andata dal medico. Ho fatto un esame vascolare. Ho scoperto di aver i vasi capillari molto piccoli e pertanto fa fatica a passare l'ossigeno, ma niente di preoccupante. Ho capito che anche se non ero grassa non era quello il mio fisico. Tutto l'adipe stava sulle mie cosce e la tensione muscolare non mi permetteva di mettere a fuoco mentre guidavo. Avevo continui capogiri e mal di stomaco.

Qui non si tratta di prova costume, taglia 40 o cellulite. Qui si parla di Salute. Di evitare che la tensione muscolare ci limiti i movimenti e ci condanni ad una vita piena di dolori.

Oggi non peso di meno, ma ho perso una taglia. Ho le gambe più snelle, il sedere sodo, ma sopratutto non ho più male alla schiena.

Se resto una settimana senza fare gli esercizi sto male. Il mio corpo si ribella, vuole stirarsi, vuole allungarsi per sciogliere la tensione muscolare. Se non ascolto il mio corpo finisce che mi sento stanca, perdo le forze e divento irritabile. A fine giornata mi siedo sul divano con l'umore pessimo. Io detesto sentirmi senza forza. Ho scoperto che se anche mi alzo male con la schiena dolorante, ma faccio cinque semplici esercizi di stretching sto meglio.

Sono qui per dirti #MuoviQuelCulo che non significa prendi e parti a correre, palestra nuoto. No. Con calma. Ascolta il tuo corpo. Comincia con il rilassare i muscoli, stretching e yoga. Esercizi tonificanti e gratificanti. Piccoli passi ma ogni giorno. E ti assicuro che non ne potrai più fare a meno. E non ci sarà marito, figlio, suocera, capo, torta, pizza o addio annubilato che tenga. Tu farai quegli esercizi perchè senza tornerai ad essere una melma informe sdraiata sul divano. E tu non vuoi questo. Vuoi sentirti bene, sorridere ed essere attivita.

Gli esercizi di Yoga mi hanno cambiato la vita. E non sono una di quelle che fa meditazione, saluta il Dio Sole e si sente in armonia con il mondo.

yoga

Lo Yoga è per tutti. Alta bassa, magra, cicciotella, storta, anziana, giovane. Donna o uomo. Non ci sono scuse. Anche le donne incinta posso fare yoga. Anche le persone con disabilità motorie. Tutti possono fare yoga. Certo prima di lanciarsi in posizioni estreme é meglio consultare un medico per capire se abbiamo limitazioni 🙂

Vi assicuro che se prendete con costanza gli esercizi per stendere i muscoli non potete più farne a meno.

Chi è con me?

Sul mio Pinterest ho intenzione di caricare delle schede di posizioni yoga spiegandovi i benefici per la schiena e il tono muscolare. Oggi cominciamo con una posizione facile e c.d. di riposo.

La posizione bambino

child_pose

Questa posizione me la facevano fare sempre in clinica proprio per allentare la tensione muscolare. Aiuta ad allungare i fianchi, cosce e caviglie riducendo lo stress e la fatica.

Ideale per togliere lo stress della giornata o se si è fatto altri esercizi.

Consiglio di cominciare mantenendo la posizione per 10/15 secondi. Quando si è più esperti fino ad un massimo di 30 secondi. Mentre fate l'esercizio chiudete gli occhi, spingete poco sulle braccia e concentratevi sui vostri muscoli che si tendono. Respirate normalmente e relax!

Print Friendly, PDF & Email