L’Expo è iniziato. Tutti ne parlano, tutti lo criticano. Non vedo grosse novità per una Nazione che si trova unita solo alla finale dei mondiale. Già perché se l’Italia non arriva in finale, non siamo uniti e d’accordo neanche sulle convocazione. Ma veniamo a noi.

Pina ama Milano. Lo sapete. Da sempre condivido con voi gli eventi che mi piacciono e i miei posticini magici. Quindi non posso sottrarmi dal regalarvi una mini guida sull’Expo. Personalmente ci andrò a fine giugno, sperando che si attenui un poco il lato mediatico e che finiscano i cantieri. Sapete già che ci andrò munita di videocamera e Giammy.

Vorrei racchiudere qui le informazioni utili, perché mi sono accorta che sono sparpagliate e sovente si dicono anche delle fesserie.

Cosa NON è l’Expo

L’Expo non è una fiera gastronomica. Non è un luogo dove si va per manigare gratis. E non è neanche la fiera dei sapori internazionali. Tenetelo ben a mente ora. Così quando ci andrete eviterete inutili commenti negativi.

L’Expo è una fiera universale che si terrà a Rho Fiera fino al 31 Ottobre. Il tema centrale della fiera non è il cibo ma quali tecnologie ci sono per garantire cibo sano e efficiente. In altri termini come possiamo sfamare tutto il mondo senza distruggere il mondo stesso?

Questa è la grande domanda che si sta ponendo l’Expo. Non è una vetrina dove i paesi fanno a gara su chi ce l’ha più lungo (in termini di gusto alimentare). Dovendo rispondere a questa non banale domanda, comprenderete, vero, che sarebbe incoerente sprecare tonnellate di cibo. (Annuite o sparite da questo blog! Non sono democratica, lo so).

mappa_expotemi

I 5 Temi dell’Expo Milano 2015

Il filo conduttore dell’Expo è “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”

Tra gli obiettivi dell’Expo Millano è quello di garantire una certa coerenza tra le diverse forme offerte (scientifica, culturale, ludica, emozionale). La fiera, infatti, non è solo “display” ma è anche “discussion”. Questo è da tenere a mente. L’Expo ci deve lasciare tutti con insegnamento, non è solo una grande festa. Per garantire il raggiungimento di questo obiettivo il sito espositivo è stato suddiviso in cinque grandi aree tematiche. Ora ve le espongo in breve, penso di farci, più avanti, altri articoli distinti.

Il Padiglione Zero, il più nominato e apprezzato, racconta la storia dell’uomo sulla Terra attraverso il suo rapporto con il cibo, al Future Food District, che spiega come la tecnologia cambierà le modalità di conservazione, distribuzione, acquisto e consumo di cibo.

Parco della Biodiversità è un grande giardino di circa mq 14.000, collocato nell’area nord-orientale del sito espostivo e riproduce le diverse forme di vita al fine di stimolare visivamente e a livello sensoriale le persone.

Future Food District è l’area di cui sentite più parlare, ovvero quella dei padiglioni espositivi. Sono due, di circa 2.500 mt quadrati, collegati tra di loro da una piazza.

Qui si trovano i ristoranti. Che sono ,essendo ristoranti, a pagamento. Lo specifico sempre per il fatto che si pensa all’Expo come una sagra alimentare.

Food in Art come dice il nome stesso in questa parte del sito espositivo il cibo diventa simbolo. Verrà raccontata la storia della specie umana lungo i secoli e su come gli alimenti primari sono stati trasformati sino alle creazioni artistiche.

Children Park è un’area intermante dedicata ai bambini. Un modo per unire cultura a gioco. Ecco perchè potreste pensare di venire all’Expo anche solo per stare mezza giornata in questo padiglion in compagnia dei vostri bimbi.

I Clusters

I clusters sono i paesi, le nazioni in esposizione. A differenza peró di quello che sentite raccontato in televisione in realtà non sono suddivisi per Nazioni ma per elementi.

La grande novità, infatti, è quella di raggruppare i Paesi del mondo non in area geografiche ma tematiche. Personalmente lo trovo corretto e geniale. Cambia il nostro modo di guardare al pianeta. Non più geograficamente, con tutto ciò che ne consegue, ma in funzione della filiera alimentare. Ricoridiamoci sempre che il tema dell’Expo è Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita .

I Cluster sono caratterizzati da aree comuni, che sviluppano, attraverso spazi funzionali (mercato, mostra, eventi, degustazioni), la filiera alimentare. Ogni Paese presente nei Cluster ha uno spazio espositivo individuale, dove sviluppa una sua propria interpretazione del Tema di Expo Milano 2015.

Affronteremo ogni singolo clusters più avanti. Per ora sappiate che sono: Riso, Cacao e Cioccolato, Caffè, Frutta e Legumi, Spezie, Cereali e Tuberi, Bio Mediterraneo, Isole e Mare, Zone Aride.

Quindi anche qui sfatiamo un altro mito che l’Expo è diviso per nazioni.

Sostanzialmente prima dovete capire cosa vorreste fare e poi in funzione di questo decidere il vostro percorso tematico.

All’Expo ci sono eventi giornalieri, alcuni si ripetono, altri no. Quindi vi conviene dare un occhio qui e vedere se ce n’è qualcuno che assolutamente non volete perdere.

biglietto

Informazioni Pratiche

Gli orari di apertura sono dalle 10.00 alle 23.00

I Biglietti come per ogni evento del mondo esiste l’open, ovvero posso andare quando mi pare, o il giorno fisso. Il biglietto open a sua volta può essere di un giorno o più giorni. Il biglietto fisso invece un solo giorno o due consecutivi.

I biglietti partono da 39 euro e a chi si lamenta vorrei ricordare che il prezzo di ingresso di Gardaland è di 38 euro.

Poi vi è il biglietto serale, soli 5 euro. Vale dalle 19 alle 23.00. E anche qui chi si lamenta… sì dovete per forza entrare alle sette. E così difficile rispettare delle semplici regole?

I Biglietti si acquistano qui. Diffidate da altri siti.

l biglietto di ingresso permetterà ai visitatori di accedere a tutti i padiglioni e a molti degli eventi in programma sia di giorno che di sera: l’unica eccezione attualmente è lo spettacolo “Allavita!” del Cirque du Soleil, che si terrà presso l’Open Air Theatre tutti i giorni dal mercoledì alla domenica da maggio ad agosto e per cui i biglietti vanno acquistati a parte.

Il biglietto dell’Expo varrà anche per un ingresso gratuito alla Triennale di Milano – Arts & Foods, l’unica area tematica legata all’Expo realizzata a Milano e non alla fiera. Disponibile dal 1 aprile al 1 novembre 2015. Il tema della mostra: le relazioni tra arte e cibo dal 1851 – data della prima Expo di Londra a oggi.

App Expo 2015 disponibile per tutte le piattaforme

Perchè averla? Da la possibilità di avere news sugli eventi gionalieri, le mappe e anche acquistere i biglietti con la facilità di un click.

Siti utili per Expo

Fuori Expo 2015 – Eventi in città

Oltre all’Expo Milano 2015 c’è il FUORI EXPO di cui in pochi parlano. Si tratta di tutti quegli eventi, mostre e manifestazioni allestite a Milano. Alcune sono visibili facilmente (vedi la mela verde di cui tutti parlano) altri devi andarli a cercare. Si tratta di eventi culinari o mostre fotografiche. Per scolorirle basta cliccare qui.

 

Print Friendly, PDF & Email