Oggi è giovedì la giornata dei disperati. Ogni giovedì, chi mi segue lo sa, su questi canali vanno in onda quelle ricette che mai nessuno vi proporrebbe. Oh yes. Quelle fatte con prodotti surgelati e semipreparati. Insomma per i disperati universitari, le mamme esaurite e i mariti soli.

Oggi no.

Oggi Praguaaaaaaaaaaa!! Anche se no está lloviendo!

Perché parlo in spagnolo? No, tranquilli non sono ancora rinconglionita… olmeno se è successo il mio cervello non me lo ha notificato.

Martedi mi chiama la Bionda dal Tacco 12, la Spora nazionale, concisa come sempre mi dice “Pina che fai? Pina accompagni Calo?”. E Pina che era in pigiama e si stava strafogando di frise pugliesi ha detto “Ma io….” e mi sono ritrovata per strada.

vlog

La Spora ha questa innata capacità di mettermi in situazioni in cui io sudo. Non ho mai sudato così tanto da quando la conosco… si beh certo io sono una tizia isterica, ansiolitica…. ma qui siamo a casa mia, sul mio blog, quindi datemi ragione. Poi andate sul suo di blog a dire quanto la Pina sia Esaurita!

Calo era dalla mitica Estetista Cinica (di cui presto arriverà anche un’altra video ricetta) e doveva fare tutta la linea rossa per raggiungermi. Così me la sono presa comoda, ho bevuto il caffè, mi sono messa il fondotinta. L’accordo era “manda messaggino quando sei in Duomo”. Ma…

Sti argentini! Indovinate un po’ che dove mi chiama? In Piazza Argentina, ovviamente.

Al ché indosso le converse, la gonnella (non soffermiamoci troppo sul mio outfit da Sbirulino, oh su via!) e corro. Corro e corro. Trovo Calo sereno e figo con le mani sulla vetrina della Nikon.

Io e Calo siamo uniti dal sacro fuoco della fotografia. Io e Calo compreremmo aggeggini per fotografie ogni secondo. Ci piacciono i binari del tram e non ci piacciono le persone con la puzza sotto al naso.

Non ci facciamo alcun problema a svaccarci per terra, cosa che, nell’arco di un pomeriggio, è successa un paio di volte. E altra cosa che ci accomuna… noi smontiamo le cose! Lui ha smontato un PC facendo suonare l’allarme, io un cavalletto facendo incavolare il commesso perché gliel’ho rotto. Ma non era colpa mia e gliel’ho dimostrato!

Insomma io e Calo siamo stati separati alla nascita. Siamo come il gigante e la bambina. Anche se a volte faccio fatica a comprendere chi sia più bambino!!!

Veronica, sul suo blog, scriveva che Calo voleva fare Vlog. La Pina fa Vlog. Insomma ne vedremo delle belle!! Già perché abbiamo già concordato che andremo in giro per Milano e Torino facendo corsi di spagnolo improvvisati.

Guardate il video, mettete un mi piace e iscrivetevi al canale! Ma sopratutto studiatevi il nome del Paese di Calo “Che chillo è Argentino… è pericoloso!”.

Vloggando con un Argentino di nome Calo

Print Friendly, PDF & Email