Il Mondo certe volte meglio guardarlo a faccia in giù. Così magari trovi che non sei più fuori posto.

Sono giornate strane queste. Il mio umore cambia alla stessa velocità con cui sta cambiando il meteo su Milano.

Piango. Rido.

Gioisco di avere amiche vere e amici che mi ricorrono sempre.

Mi incazzo per non dare abbastanza. Mi innervosisco perché mi incazzo. Abbaio ma non mordo. Bevo e il mondo gira.

Sottosopra. Come Alice afferro la chiave sbagliata, mangio quello che non devo. Divento piccoa e poi ingombrante. Piango e annego. Ma la porta sempre chiusa resta.

Ed un dubbio mi assale. E se semplicemente non é con la chiave che si aprono le porte? A testa in giù mi metto. Ascolto e osservo.

E alla fine capisco.

Un passo indietro, un respiro. Un abbraccio.

Davanti a me non c'è nessuna porta contro cui sbattere. Basta solo aprirsi il resto vien da sé .

 

 

Print Friendly, PDF & Email