I milanesi il week end spariscono per lasciare la città ai piedi dei Lombardi, turisti e curiosi. Io, Pina, non ci sto. Ho deciso che Milano ve la voglio raccontare, con i miei occhi e i miei piedi.
Sabato mattina ci siamo alzati presto e complice il sole abbiamo deciso di andare ad un mercato cittadino che proprio non ti aspetti.

Si tratta del mercato biologico del quartiere isola organizzato dalla AIAB (Associazione italiana per l’agricoltura biologica) della Lombardia. Da quanto avevo letto su ViviMilano sembrava una cosa da sbavo, così non è, però ci sono una decina di bancarelle, un parco per i bambini e un tizio che aggiusta biciclette e ricicla pezzi di ricambio.

Secondo me è una bel punto di partenza per un sabato diverso. Ti trovi alle spalle il Bosco Verticale ed il grattacielo dell’Unicredito. In mezzo il nulla, dove sorgerà il parco di grano, e tu sei lì con gli ortaggi di stagione in mano, il sole che ti bacia il nasone e guardi la Milano che verrà.
Appare strana Milano. Fa finta di essere newyorchese ma non rinuncia alla buona tavola. La miglior frutta e verdura si sa non la si trova al supermercato, ma nei mercati di Milano. Ho già parlato del mercato di Piazza  San Marco qui.

Milano03

Una volta fatta la piccola sosta al mercato cittadino vi potete addentrare per il quartiere dei grattacieli, Porta Nuova. I vostri bambini saranno felici di correre su per il ponte che unisce la vecchia e nuova Milano. Altrettanto felici di fare una partita a biliardino con il papà, mentre voi andrete a compravi un mascara da Sephora o un libro alla Feltrinelli. Tutto si trova ai piedi del grattacielo dell’Unicredito.

Milano02

Vi è anche l’Esselunga di Porta Nuova. La mia isola felice. Dove tutto è figo. Tutto è bello. Dalla frutta, ai cassieri. Dal pesce al marocchino che ti sorride e ti prende il biglietto per il parcheggio.
Poi giù verso Porta Romana, vero EatItaly dove potete mangiare un buon fritto di pesce o semplicemente comprare delle Pastiglie Leone. Poi sempre a piedi, sempre allegri si va dritti in Corso Garibaldi e si gioca con le fontane, con i bocchettoni dell’aria che fanno volare i palloncini. Non sto fantasticando. Ongi week end c’è qualche bambino che scopre questi potentissimi bocchettoni e si diverte a far volare foulard, sacchetti, cappellini.
Cammina che ti cammina si sbuca in Brera. Con le sue viettine, le caffetterie, i ristoranti e la vecchia e cara Accademia di Brera.

Milano05

Più avanti vi parlerò del mio posticino perfetto. Ora vi lascio con alcuni locali che a me piacciono molto e che vale la pena farci un salto.

Parma & CO non solo salumeria. Potete mangiare un ottimo tagliere di salumi, un panino. Dentro nella salumeria o seduti in Corso Garibaldi. Un bicchiere di vino. Buono e non carissimo (siamo a Milano eh, lo dico perché poi il Giammy mi sgrida che dico che non costa tanto quando non è vero. Ma io intendo per esser nel cuore di Milano!)
http://www.parmaeco.it/chisiamo.php

Aneme e Cozze che è una catena di pizzeria, dove però potete anche mangiare pesce. La pizza certamente non è a buon mercato, ma vi garantisco che è buona. Se no fate come la pina prendetevi a 7 euro un bel sautè di cozze accompagnato magari da un buon bicchiere di vino.
http://www.anemaecozze.com/

Grand’Italia – Pizza, Humburger e non solo
Se volete mangiare un trancio di pizza o un primo o un’isolata senza spendere molto e avere la certezza che i prodotti siano freschi allora non dovete far altro che andare sempre in Via Palermo ma fermarvi al negozio prima. Vi è una pizzeria scaciata, vecchia Milano che saprà stupirvi. Io e il Giammy siamo degli affezionati.

Da Evitare
http://www.amorino.com/it/
Amorino nel cuore di Brera. Gelato non buono, caro e personale scortese. Fidatevi. Per non parlare del caffè lo fanno bruciato. É però molto amato dai turisti, specialmente stranieri, perché fanno il caffè da asporto e pompano il made in Italy. Capisciamme!!
Ricordate sempre che spesso i Milanesi vanno in un posto per incontrarsi non per mangiare. Sono due cose differenti. Ecco Amorino è il classico posto dove potete trovare le figlie della Milano per bene, ovvero imprenditori, banchieri e personaggi noti.

Milano01

Print Friendly, PDF & Email