Correva l’anno 2007 ed io avevo un cliente nei pressi di Stazione Centrale. Uscita in pausa faccio due passi sotto il sole cocente di Milano. Chi conosce via Vittor Pisani sa perfettamente che è la srtada del suicidio. Assolutamente da non frequentare in estete. Una strada lunga in stile fascista che porta alla Stazione Centrale. Completamente bianca. Niente piante, fiori, niente alberi. Solo il bianco. All’epoca niente area C, smog a  manetta e afa pazzesca.

Mi aggiravo come un profugo alla ricerca di un bar non troppo affollato quando le ho viste. Statue giganti in plastica colorate. Sono rimasta a bocca aperta. Non le ho trovate particolarmente fighe, ma aera come se i  Transformers avessero invaso il mio spazio vitale. E così le ho fotografate.

Poi secoli dopo ho cominciato a vedere lumache per Milano, per la precisione in Brera nel corso della settimana dedica al design. Lì più di tanto non mi sono stupita… Le stesse lumache mi perseguitano da anni sulla Milano Bergamo. Non solo appese all’Orio Center che hanno preso posto degli alligatori verdi, ma anche davanti ad uno stabilimento.

Mi sono sempre chiesta “Ma esattamente cosa sono?”. Finalmente la risposta.

Milano3

Il Cracking art è un movimento artistico fondato a Biella nel 1993 da Omar Ronda, Alex Angi, Renzo Nucara, Carlo Rizzetti, Marco Veronese, Vittorio Valente, che uscirà quasi subito dal gruppo e sarà sostituito da Kicco. Si tratta di opere, principalmente animali, fatte tutte in plastica riciclabile. Le si può trovare in giro per il mondo, nei centri commerciali o per strada. Ogni occasione è buona per creare una mostra di arte contemporanea.

Milano

Gli ultimi nati sono dei volatili messi sotto il palazzo della regione in vista dell’Expo.  C’è chi sostiene siano piccioni, io spero siano canarini perché dedicare un’opera a uccelli che non fanno altro che cagare (scusate il francesismo) sulle teste dei turisti e in giro per Milano… Oltre ai volatili, ritroviamo anche le mie amate lumache e se guardate bene in cima vi è anche una Volpe Verde.

E voi? Cosa avete scovato negli anni?

Print Friendly, PDF & Email