Mie paperotte è un periodo un po’ strano questo. Sarà che la Primavera sembra dietro l’angolo e invece…

Io, però, non demordo. Ho già fatto il cambio stagione e piantato il basilico, quest’ultimo è già morto… ma magari per Pasqua resuscita.

Le mie idee di vacanza si sono stoppate sotto il macigno dei problemi. Siamo in codice giallo, ecco. Quest’anno si aveva una mezza idea di fare Miami e Messico on the road. Vi avrei portati con me, sia chiaro. Ora… facciamo un passo alla volta.

Sto scrivendo. Molto ma non quanto vorrei. Devo andare più veloce, più spedita. Maggior concentrazione. Tirare un libro per le lunghe non è mai un bene. Le idee ci sono, appunti sul quaderno anche. Mi riesce difficile trasformare le mie immagini in parole. O meglio le parole scorrono veloci sulla tastiera ma il risultato non è buono.

Sto scrivendo qualcosa di complesso, non come genere, ma come stile. Ho quattro personaggi da gestire, tutti con il loro caratterino e i loro segreti. Per me parlare con loro e di loro, è diventata la priorità. Comprenderete, vero?

Per certi versi mi viene più facile accedere una telecamera e blaterare senza senso, mi dico sempre che potrei farlo… trasferirmi per un periodo sul tubo per risparmiare tempo e raccontarmi. Poi mi dico che la mia vita non è così interessante ed allora accumulo ritardi.

Come oggi che è la giornata di voi disperati.

Qualche giorno fa ho fatto delle mini pie di agnello, sono gustose e facili. Se non volete farle come mini torte chiamatelo solo spezzatino di agnello… è buono lo stesso.

Tra l’altro sono stata anche criticata e messa alla gogna per aver cucinato l’agnello. Ognuno è libero di pensarla come gli pare, basta solo che non rompa le palle! Okkey!

Io non mangio tanta carne, infatti sul mio blog il pesce abbonda (cercando ricette sfiziose infatti mi sono accorta che le foodblogger il pesce non lo cucinano… mah).  Tra la carne che mangio tutto l’anno, cioè quella volta ogni tre mesi c’è  il coniglio e qualche volta l’agnello.

L’agnello a dire il vero non è neanche tutta questa magrezza, però è buono 🙂 E poi non lo so quando lo mangio penso alla Sardegna, alle strade deserte, alla birra, al silenzio e sto meglio!

Inoltre, se proprio dobbiamo dirla tutta, quanta carne produciamo senza mangiarla? Quanta carne mangiamo che non dovremmo? Ecco fermiamoci prima di puntare il dito. Grazie.

Mini Pie di Agnello  – Idee per Pasqua

Altri piatti a base di Agnello?

 

Print Friendly, PDF & Email