Ieri siamo partiti per Colmar piccola cittadina della Francia.  Non era stato nulla pianificato e organizzato. Che strano, diranno i più attenti. Sì beh sono quella che è partita per il Giappone organizzando tutto in cinque giorni!!

Questa volta però è tutta “colpa” del Giammy. Il ragazzo se ne esce con “Voglio andare al caldo” e così la Pina armata di PC, Mappamondo cerca e ricerca… senza trovare niente che non costi meno di tremila euro. Mia madre spara un “Dai venite alle Canarie!”. Ma anche no. Non che abbia qualcosa contro le Canarie… ma io, mia madre il mare… anche no.

E così una sera il Giammy aveva un tablet tra le mani, la Pina era al piano di sopra che si stava guardando uno dei suoi programmi (chissà se si trattava di Real Time, Pretty Little Liars o Hell’s Kitchen). Fatto sta che il Giammy prenota gli hotel senza consultarmi. Se ne dimentica. E solo due giorni fa mi dice “Andiamo al Colmar e Strasburgo“. Ed io “Ma te non ci volevi andare!” (Sì perchè io volevo fare il Capodanno in Alsazia ma qualcuno pelato, con gli occhi verdi mi ha detto che faceva freddo… ed allora la Pina lo ha portato in Danimarca o_O).

Tutto questo per chiedervi se c’è uno psicanalista in sala, in famiglia non siamo mica normali. Ho passato due giorni a cercare un’alternativa. Senza trovarla. Gli ho fatto l’elenco di tutte le capitali europee che volevo visitare. E lui “Ci andremo”. Dice così da duecento anni ma io ancora a Londra non ci sono stata. Uf.

D’accordo la smetto di lamentarmi! Colmare e Strasburgo sono comunque due città che meritano una visita. O durante il periodo di Natale con i mercatini o in autunno in cui tutto si tinge di uva e vino. Dato che sarà un week end di pioggia ho buttato lì un “andiamo alle terme?” e scopro che passato il confine, ovvero in Germania ci sono delle terme pazzesche. C’è solo un piccolissimo problema si entra completamente nudi!

Non ho problemi a stare in acqua nuda, con la Bernarda al vento (termine coniato da mia madre per indicare sua signoria Vagina… nome più coretto e maggiorente femminile…ma vabeh). Il mio problema è uscire dal bagno nuda, camminare nuda con la cellulite che si muove  dice “eh belli sto danzando non vedete!”. E poi ho le tette io! Tante tette. Troppe tette. Non temo che mi guardino, ma che io mi metta a guardare gli altri!

Ora dirò una cosa da pervertiti! Quando vado in palestra le guado le altre donne nude.

Osservo il taglio delle varie Bernarde. Ce n’è di tutti i tipi: la rossa ricci, la rasata, la  skinnet, la bimba innocente. Non oso immaginare cosa mi potrà succedere se cominciassi a guardare i Walter. Non in termini sessuali, ma di pettinatura. Comincerei con i miei trip mentali peso, altezza, lunghezza. No forse il Walter non si vedono, staranno tutti nascosti sotto le panze maschili.

Però le Bernarde! E vogliamo parlare del seno? Io ho il seno a mela e grazie al cielo stanno su da sole. Ma le altre… no ci sono donne che hanno il seno a pera. Ma certi peroni! Lo so che sono femmina.. ma mi sconvolgono. Mi chiedo com’è la vita con le pere! E comincio a contare i capezzoli, perchè ci sono quelle che ne hanno quattro.

D’accordo era meglio quando mi lamentavo di non essere andata a londra… ma

Signore Bernarde siete ingombranti!

Cosa faremo? Non lo so. Ma vi aggiornerò. Ovviamente girerò i miei consueti video, peccato non alle terme … avrei potuto intervistare le diverse Bernarde. (Non sono normale… aiuto!!)

Voi fate le brave che la Pina torna. Ho sempre desiderato un taglio a stella… che dite mi potrebbe donare?

Per un’idea seria di cosa ci sia da visitare a Colmar e Strasburgo basta andare sul mio blog di viaggi PepeTour. Ma sì clicca qui e ti reidirizzo al relativo post!

Print Friendly, PDF & Email