TOP

I dolci giapponesi e i Biscotti al Miso #AsiaLovers

Una delle cose che mi ha maggiormente colpito quando sono stata a Tokyo è stato il cibo. Non tanto il cibo da strada, le ciotole e il sushi, bensì i dolci. In ogni supermercato, negozio di abbigliamento c’era un reparto dolciario.  Niente torte, crostate e cioccolatini, ma principalmente biscotti e dei quadratini non ben indentificati. Oltre al dolce diciamo sfumo ero circondata da una miriade di colori, pupazzetti di dolci. Spesso confondevo le confezioni dei dolci per giocattoli, mi avvicinavo convinta che si tratttasse di oggetti per polly pocket e le bambole e poi scoprivo che erano commestibili.

Ho trovato i biscotti di Hallo Kitty, le caramelle di Totoro e il ghiacciolo della Dolce Creamy. C’erano anche tanti mini dolcini che parevano finti. Avete presente le gommine a forma di cono gelato, anguria e fragola. Ecco. Quelli erano i dolci. E i giapponesi ne vanno pazzi. Grandi, ragazzi, bambini. Uomini e donne.

Ma parliamo seriamente di dolci.

Non esiste la tradizione di cucinare dolci come la intendiamo in occidene. Nessuna mamma giapponese farà mai una torta per il proprio bambino. La maggiorparte dei dolci sono fatti di zucchero e marmellata.

I dolci tradizionali giapponesi sono principalmente belli.  Esteticamente magici, ma niente di complicato o elaborato.

Namagashi

Possiamo dividere i dolci in due grandi tipologie:

  • Namagashi preparato con ingredienti deperibili. Da qui la parola nama, crudo. L’ingrediente principale è la marmellata. Difficilmente sono fatti in casa, ma vengono acquistati per occasioni speciali. Assumono svariate forme: fiori, foglie, animali sempre collegati alla stagione e assumendo un significato in funzione dell’occasione.
  • Higashi sono i dolci secchi e quindi che si conservano per più tempo.

I dolci non vengono mai serviti a fine pasto, ma accompagno il té. Possono accompagnare momenti particolari della giornata. In casa non mancano mai per poter accogliere gli ospiti.

Per occasioni speciali come le cerimonie si utilizzano dolci a base di farina di riso che viene colorata e che prende forma negli stampi.

I dolci giapponesi sono facili da fare, ma per renderli belli è un’impresa quasi impossibile! Forse un esperto di decorazioni in pasta da zucchero ne sarebbe capace. Io no e vorrei sempre darvi ricette facili e fattibili a casa.

Troverete spesso i boscotti al té Matcha come biscotti giapponesi. Sicuramnete il Matcha è predominante nei dolci da strada. Ma… lo amano molto come gelato, creama e Hagashi. Non ci sono tutti questi biscotti al té verde… quindi li farò e condividirò con voi la ricetta ma non in questa sede.

Oggi condivido con voi una ricetta che nasce da un ingrediente tradizionale della cucina giapponese ma proposta all’occidentale.

Biscotti al Miso

Miso01

Ingredienti

  Farina 200g

     1 uovo (60g),

     100g di burro non freddo di frigo

     80g di zucchero

     25g di miso marrone

     1 cucchiaio di semi di sesamo nero

 Miso02

Preparazione

In una ciotola mettete il burro, lo zucchero e il miso. Sbattete con le fruste fino ad ottenere un composto morbido.

Aggiungete l’uovo e continuate a sbattere. A pioggia aggiungete il sesamo.

Raccogliete con una spatola il vostro impasto che deve risultare morbido.

Con l’aiuto di carta forno fate un serpentello con l’impasto.

Mettete in freezer per 40 minuti. Tagliate il vostro serpentello a cubotti per dare la forma di biscotti.

Teglia da forno coperta di carta forno.

Infornare a forno già caldo a 180 ° C per 15 – 20 minuti, fino a doratura leggermente.

Esaurita Sciura Milanese per vocazione e per residenza. Cucina, Viaggia e Fotografa in ordine sparso e casuale. Starnazza sempre. Non guida, ma va dappertutto.

Comments (9)

  • Bia

    Ma vuoi mettere una bella torta mimosa, che ormai siamo in stagione e mi prudono le mani dalla smania di prepararla?! 😀

    reply
    • Falla!! Che io non sono capace hihi

      reply
      • Bia

        Se imbrogli come me, prendendo la base già pronta… Beh allora è proprio una sciocchezza farla 😉

        reply
        • Non sapevo esistesse la base pronta per la mimosa? Ma dove vivo!!

          reply
          • Bia

            Ma si parlo di una banale base pronta di pan di Spagna… certo fatto in casa è un altro mondo!!

            reply
    • paolo

      Questo è un biscotto salato e vieni a parlare di torta mimosa?? Il nesso????

      reply
      • Sul mio blog ognuno può esprimere la propria opinione. Non capisco quale sia il problema?! Inoltre ci sono persone come Bia che scrivono spesso e siamo amiche quindi esprime quello che sente. Mi puoi spiegare cosa ti ha cosi tanto scandalizzato?! Grazie

        reply
      • Bia

        Il post parla dei dolci giapponesi, “I dolci tradizionali giapponesi sono principalmente belli. Esteticamente magici, ma niente di complicato o elaborato.”
        Ecco, la torta mimosa è per niente complicata o elaborata, è esteticamente magica, ma infinite volte più buona dei dolci giapponesi

        reply

Post a Comment