TOP

 Natale in Norvegia e la ricetta dei biscotti Sirupsnipper norvegesi

Santa Claus vive a Drobak, appena un’ora di macchia da Oslo, verso sud. Sicuramente è più comodo arrivarci in battello e non in macchina, dato le temperature polari e la neve che cade nel mese di dicembre in Norvegia.

Drobak è un villaggio norvegese che risale al diciottesimo secolo. In tutto il territorio Norvegese questa cittadina è semplicemente chiamata “Patria di Babbo Natale”. Qui, indiscutibilmente, Santa Claus ha il suo quartier generale ed il suo ufficio postale con cartoline, francobolli.

Juleinssan Poskontor è il nome del suo ufficio, riconoscibile per un segnale stradale: un simpatico triangolo rosso con all’interno Santa Claus che corre con un sacco pieno di doni.

Babbo Natale corre con in mano il sacco, perché non è lui a recapitare i doni ma gli elfi, gnomi e folletti. Babbo Natale smista la posta, decide chi è stato cattivo e no, ma non fa il lavoro sporco. In Norvegia Santa Claus è un dirigente di tutto punto, mica un fattorino!

L’ufficio postale di Drobok riceve ogni anno oltre 30 mila lettere spedite dai bambini di tutto il mondo a cui, provare per credere, tutti ricevono risposta. Babbo Natale giura che anche se a volte con un pochino di ritardo risponde sempre in prima persona e con molta attenzione.

Questo l’indirizzo: JULENISSEN P.O. BOX 1440 DROBAK NORWAY

Ogni anno, 250 mila persone fanno visita alla casa di Babbo Natale che, si comprende è sempre aperta senza selezione all’ingresso! E non sono solo gli scandinavi ad andarci , ma anche Inglesi, Tedeschi e Francesi.

Se vai da Babbo Natale non puoi presentarti a mani vuote, i Norvegesi lo sanno bene. Già dalla fine di Novembre fervono i preparativi per il Natale. Le strade si profumano di cannella, zenzero e cardamomo. I dolci preferiti dai bambini sono i Pepperkaker che poi sono gli ormai conosciutissimi Gingearbread. Vengono preparati dai genitori ai figli. La casa, l’albero di Natale vengono addobbati con questi squisiti biscotti.

Io, però, pensavo di portargli altri biscotti a Santa Claus, sempre norvegesi.

Si tratta dei Sirupsnipper che sono speziati al gusto di anice. Vi posso assicurare che, come peri gingerbread, all’inizio l’italiano medio storcerò il naso ma poi non ne potrà fare a meno. Come quasi tutti i biscotti del nord, pur avendo tanti ingredienti, sono facili da realizzare e possono essere fatti da tutta la famiglia. Ogni componente si potrà fare il suo personalissimo biscotto e appenderlo all’albero!

biscotti Sirupsnipper norvegesi

Ricetta Natale:  biscotti Sirupsnipper norvegesi 

(Per quasi 70 biscotti)

Dovete, quindi, ridurre le dosi se li fate per una famiglia. Io vi do la ricetta in caso vogliate addobbare l’albero di Natale o fare dei regali.

Biscotti_Norvegesi02

Ingredienti

150ml di panna
150 g di miele (sarebbe la syrup di cui vi avevo promesso la ricetta, giuro che ve la fornisco) 
150 g di zucchero bianco
100 g di burro
450 g di farina
1/2 cucchiaino di pepe macinato
1/4 cucchiaino di zenzero in polvere
1/4 cucchiaino di semi di anice 
1/4 cucchiaino di cannella
3/4 di lievito in polvere
3/4 cucchiaino di bicarbonato di sodio
scaglie di mandorle, per decorare

Preparazione

 Mettere la  panna, il miele e lo e zucchero in una casseruola. Portare ad ebollizione, quindi spegnete il fuoco. Aggiungere il burro, mescolare fino a quando fuso, poi lasciar raffreddare.

Nel frattempo, mescolare la farina, spezie, il lievito e il bicarbonato di sodio in una ciotola e amalgamate per bene.  Aggiungete il composto raffreddato e lasciate riposare per bene al fresco una notte intera.

Il giorno dopo tirate l’impasto e con l’aiuto di un taglia pasta fate delle strisce oblique per dargli la fora dei diamanti. Mettete su carta forno umida, appoggiate una mandorla su ogni biscotti.

In forno preriscaldato a 180 gradi per 5, 6 minuti . Sarebbe preferibile girarli dopo tre minuti, ma diventa veramente difficile, dato che dovrete fare più teglie. Lasciate raffreddare…e buon Natale. Ah no!

Esaurita Sciura Milanese per vocazione e per residenza. Cucina, Viaggia e Fotografa in ordine sparso e casuale. Starnazza sempre. Non guida, ma va dappertutto.

Comments (3)

  • La Norvegia è uno di quei paesi che ci affascina molto e fa già parte di una delle prossime rotte della nostra nave in viaggio…. nel frattempo proverò i biscotti! 😉

    reply
  • La Norvegia mi è rimasta nel cuore, è un posto magico. Magari quest’anno proverò i biscotti per tenere a bada la nostalgia e la voglia di fuga 🙂

    reply
  • Io amo i paesi nordici. Peccato ci sia andata poche volte. Quest’anno fccio una piccola tappa in Danimarca e Svezia. Ma il mio grande sogno è il tour della norvegia… La rubruca del martedi è dedicata alle storie rccontata tramite i piatti tradizionali. È forse la cosa che mi piace di piu….

    reply

Post a Comment