TOP

europa_header

Si fa presto a dire Caraibi. Ho provato per esperienza personale che organizzare un viaggio ai Caraibi oltre ad essere dispendioso (ma meno di quello che pensiate) ci vuole tanta pazienza.

Io non ci sono mai stata. Ogni qualvolta il Giammy dice “Caraibi” succede qualcosa e finisce che non ci andiamo. Ho però il viaggio già pronto. Non è vero. Anche se ce lo avessi (e ce l’ho) non andrebbe bene di anno in anno.

Intanto devi decidere se andare nelle isole grandi e più adatte a tour e giri, come può essere una Cuba o una Repubblica Domenicana. Oppure puoi decidere per i giri fra le isolette. Che sicuramente la crociera americana è la cosa migliore. Ma per i miei standard supremo abbondantemente i 5mila a testa e quindi o scopro che il Giammy ha un parente Arabo Petroliere o lasciamo perdere. Se no si possono scegliere due, tre isolette  e volare con voli interni che non sono costosissimi. (Il numero dipende  dai giorni e budget)

Poi ci sarebbe un viaggio, ma si sogniamo, che prevedrebbe un bel giro in Venezuela e poi ammaraggio nelle isole di fronte . Parlo di Aruba, Curacao. Solo a sentire i nomi ondeggio i fianchi e bevo cocco. E Chissene se a Milano il cielo è nero.

Insomma va studiata e bene. Se organizzate ora per febbraio potreste trovare un buon volo e tanti resort a vostra disposizione. Spendendo a testa quello che spendereste per andare due settimane in un villaggio in Sicilia. E non sto scherzando.

Oggi è martedì. L’Agenda prevede la rubrica Europa in un cucchiaio. I Caraibi stanno un tantino nell'Oceano Atlantico, però ci sono le Antille francesi dove a detta di quelli che mi conoscono bene potrei pure trasferirmi per sempre. Pare proprio che Martinique sia Nizza senza tram e il mare dei Caraibi. Insomma casa mia. Così dicono i ben informati. E se siamo in Francia allora siamo in Europa. Un aggancio così non velo sareste mai aspettato, eh! Passiamo alle letture.