Sono decisamente in ritardo per l’angolo dell’idiozia. Sono giorni convulsi. La testa è giro e la mani su un pianoforte. Non escono note, soltanto lettere. Forse queste