Giovedì notte il Giammy mi ha svegliato da quanto tremava. Aveva 39 di febbre. Gli ho detto almeno 200 volte di cancellare la prenotazione; cosa che ovviamente non é stata fatta.

Venerdì non si sa come gli é passata la febbre e questa mattina mi ha detto “Pina la macchina fotografica é carica? Si parte!” . Mi sono letteralmente fatta prendere dal panico. Si so che avevamo già deciso di andare a Lucerna, ma nel mio cervello avevo cancellato tutto!! Se c'è una cosa che proprio non rieco a fare é stare senza una programmazione . Non é che la impongo agli altri, però io devo sapere sempre ciò che viene dopo. Così ho preso a caso i vestiti e siamo partiti. E quando dico a caso, intendo che mi sono presentata a Lucerna con indosso un vestito di cotone e un maglioncino di lana. Insomma finché sono state le 16.00 e fuori il termometro segnava la bellezza di 12 gradi, tutto bene. Ora che sono le 19 e fuori no vi é più luce e ci sono 7 gradi…. Datemi una birra!! Alcol! Necessito di alcol!

La giornata era veramente bella. Lucerna con una leggera spruzzata di neve sulle montagne che la circondano, un bel sole che scaldava il lago e tanta gente per le piazze. Pare infatti che qui oggi sia festa, per la precisione: carnevale. Ci sono state maschere, wusterl , fiumi di birra e la banda. Una simpatica banda vestita da uomini primitivi che ordinatamente camminava su é giù per la città.

Ho paura che due terzi delle foto siano sfocate. Ho accidentalmente spostato l'autofocus su manuale e beh… Non ci pensiamo.

Ora mi aspetta una doccia bollente per poi uscire con un altro vestito di cotone. Stasera abbiamo prenotato in un ristorantino tipico svizzero er festeggiarci. Dubito che il Giammy si lanci nell'ordinare una bottiglia di vino, dato che la più scarsa in Svizzera, tocca prezzi folli. Ed anche si guardasse solo la qualitá, non sarebbe all'altezza dei nostri palati Italiani. Una birra però non me la toglie nessuno. Rischio il congelamento !!

Si. Sono una papera stupida e prolissa.

 

 

Print Friendly, PDF & Email