TOP

Con i telegiornali che fanno pressioni psicologiche sul fatto che questa settimana sarebbe arrivato l’inverno con annessa pioggia e neve, io ho subito detto al Giammy “l’ultimo week end di sole”. E così è scattata l’operazione gita fuori porta. Volevo

torta_speck04La torta salata è la classica cosa che piace a tutti ma che si fa o quando si ha qualcosa da finire o quando proprio non si sa cosa cucinare. Io rientro in entrambe le categorie con l’aggiunta “o quando ci sono lavori in casa da fare”. Grandi pulizie? Imbiancare, trasloco, cambio armadi? Arriva dritta mia madre con la sua torta salata. Fa una sfoglia senza burro e cerca di ridurre il contenuto morbidoso del formaggio inserendo tutta la verdura che riesce a cacciarci in una torta salata.Ecco io non seguo esattamente le sue ombre in fattore di leggerezza. La verità che amo le torte salate, ma essendo una produttrice di colesterolo, non dovrei proprio mangiarle. Sul perché nonostante non mangi praticamente nulla con colesterolo, mi muova come una forsennata (e non sono certo in sovrappeso), continui ugualmente a produrre colesterolo negativo, ones talmente non lo so. E la frase “è genetica”. Un cavolo. Nessuno in famiglia ha problemi di colesterolo. Pare che il colesterolo venga prodotto “gratuitamente” dall’organismo nei soggetti ipertesi per proteggere il sistema nervoso. Non so se questa teoria mai certezza, ma io ci credo fortemente. Non vi è nessuno più nevrotico di me. Comincio a pensare che io proprio un figlio non lo debba fare; per il bene del Giammy e dell’umanità. Immaginate me incinta e isterica. Lasciamo stare.Si stavamo parlando di torte salate da queste parti.

romeo

Adoro la danza, altra forma di massima espressione senza parlare. Ne ho già parlato qui.

Il problema è trovare qualcuno che mi porti a vederla a teatro. Un mesetto fa saltellando su e giù in centro a Milano ho fatto incetta di locandine. Il Giammy si rifiuta categoricamente di andare a vedere 4 spettacoli “ma ballano!”. Giustappunto.

Non potendolo fare io spero possiate farlo voi.

Dal 23 gennaio al teatro nuovo è in scena “Romeo e Giulietta – Ama e cambia il mondo” prodotto di David Zard. Lo spettacolo è stato accolto alla grande in quel di Milano.  Romeo e Giulietta si sa è un classico senza fine. In questo spettacolo viene ricreata un’atmsfera romantica ma moderna con scenografie all'avanguardia e scenografie virtuali.

Per info e biglietti: Ticket One

polpettone01Questo polpettone è una contraddizione in termini. È vegetariano, ma è perfetto per accompagnare delle carni importanti. Penso a questo e penso al rapporto che ho con i miei genitori. Contraddizioni.

Io sono la donna dell’incoerenza, ma non mi contraddico. Mi do sempre ragione!

Io alla Duchessa le voglio bene. L’ho capito fortemente a settembre del 2011 quando l’ho vista li sdraiata in quel letto. Capisca due anni, a me sembra ieri. Non diciamo mai ti voglio bene, lo diamo per scontato e pensiamo che sia sufficiente esserci. Non è così.

Ditelo, per favore. Ora alzate il telefono, correte nell’altra stanza e dite “mamma ti voglio bene”. O papà, fratello, amico, ragazzo. E non limitativi a questo, non abbiate paura andate avanti. Motivate, scavate in voi stessi, trovate le parole mai dette. E aggiungete anche “però non sopporto quando mi fai sentire così”. Non temete.

Non vi è tempo per amare. Oggi va fatto.