Sono mesi che mi dico: devo riepilogare, devo ricordare.

Il fare un riepilogo del mese è sicuramente un’attività che serve prima di tutto a me. Non penso che qui ci sia qualcuno che veramente attenda i miei post o che si segna le ricette (ahahha cosa sto dicendo).

Il blog è diventato il mio modo per evadere, il modo per sentirmi ancora viva. Il mio mondo.

Penso che il diario, la cara e vecchia Smemoranda prima, poi il blog beh siano sempre stati i miei compagni di viaggio. Un viaggio che iniziava con me seduta in cameretta ed una pagina bianca.

Il 25 febbraio del 2010 è cambiato tutto. Poi ho aperto questo blog senza ben sapere perché  Nel far rimanere male (lei certo se l’è dimenticato io no) una persona, ho capito che ognuno deve fare il proprio personale percorso riabilitativo senza invadere lo spazio altrui. Certo è consentito una sbirciatina nella stanza accanto, ma la follia e i mostri di ognuno di noi stanno bene sotto il nostro letto senza buttare zanne e peli nel letto altrui.

Il mio percorso da psicopatica della rete (scrivere blogger era troppo) è iniziato nel 2004, come più volte raccontato, dalla sola esigenza di battere freneticamente le dita sulla tastiera per evitare che quelle stesse dita facessero cose da altre parti. Parti che se sfregiate lasciato proprio ricordi bianchi chiamate “cicatrici”. Non so bene come ne sia uscita, o se ne sono uscita fino in fondo.

Certo è che io e la macchia nera tendiamo a non incontrarci più. Forse lei, la macchia, si è rovesciata totalmente su di Lui, il Giammy, che non si sa come ha atteso. Atteso. Poi piano la macchia è sparita.

Ora voglio sul serio intraprendere questa terapia del sorriso, questo cammino verso il giorno dopo giorno. Capendo, non prendendo poi consapevolezza.

Da qui, dal voler capire, dal voler vedere sul serio e memorizzare nasce il mio bisogno di assimilare che un mese, trenta giorni, sono un lungo periodo. In un mese accadono tante cose, io faccio tante cose. Le faccio per me, per noi e le condivido con voi.

Quindi rassegnatevi ogni mese vi tedierò con imbarazzanti video più o meno sensati.

Ho da sempre, da quando ho memoria, iniziato miliardi di progetti senza terminarne neanche uno. Non è solo la costanza a mancarmi ma la pazienza e devozione. Un giorno mi alzo e  dico “voglio fare questo” solo che vorrei farlo sbito bene senza sforzi. Lavorando il tempo spesso manca, e i risultati scarseggiano e così abbandono. Ma io,noi, ce la possiamo fare!

Infatti il primo riepilogo risale ad ottobre 2012: http://youtu.be/CvbLlmQFgcs

Ancora non avete scoperto la Papera sul Tubo? E che devo fare con voi!!!

tubo

Print Friendly, PDF & Email