noel

Ieri sera mi trovavo a vagare per le vie del centro. Vero che ero distrutta, vero che facevo fatica a mettere a fuoco. Vero anche che ero molto ma molto, ma proprio molto agitata per la cosa che mi stavo accingendo a fare.
E per una volta non sono entrata nel reparto casalinghi della Rinascente! Cosa che farà inevitabilmente il 7, anche se il Giammy non lo deve sapere, sst.
Potrei pure decidere di uscire alle 16.00 dall’ufficio e dedicarmi un fantastico assaggio di folla. Ho sempre in mente io che scendo da una camozza arancione decapottabile, trainata da animali della Trudi finti ed elettrici. Scendo e saluto la folla. E Milano splende di luci…e …sto divagando. Ok.
La notizia tremenda è che non riuscirò ad andare alla fiera dell’Artigianato e sarebbe la prima volta dal lontano 2003.
Dovevo andarci ieri, ma ieri ero appunto in quel del centro a decidere se cambiare o meno la mia vita, o quanto meno una porzione importante. Stasera…già stasera. Potrei pure farcela, e forse ce la faremmo se non mi fossi alzata centrifugata. Si. È esattamente così che mi sento. Centrifugata.
Non andarci sarebbe un bel buco nel mio business plan ed un dramma per il regalo di M. perché dove la vado a trovare la Becherovka in quel di Milano?
Potrei andarci come tutti i comuni mortali durante il ponte, ma io non amo la folla. Anzi la odio proprio, sto male, do di matto.
Tornando a me che stavo sconvolta in quel di Milano, mi sono fermata in Piazza Duomo. Ho alzato il nasino all’isù cierta del fascino delle luci di Milano. Ed invece. Che delusione!
Ma quanto è brutto l’albero di Natale di quest’anno?” Mi ha anche piuttosto fatto sorridere un giornalista che lo ha definito “imponente” ma dove?
Sarà che non è ancora accesso, ma per me imponente significa mastodontico che lo vedi anche da Via Dante. Invece…niente.
Pare, perché non ci sono passata, ma Venerdì farò palmo palmo tutta Milano. Ad ogni angolo saltellerò come una cretina, tirando già il Giammy per baciarlo (si è troppo alto per me). E lui alla quinta volta mi dirà “e piantala! Non sono un bambolotto”. Perlò poi si fa prendere…e vi dico di più un giorno ha saltellato pure lui. Per una frazione di secondo, però l’ha fatto.
Dicevo (ma quanto mi perdo oggi!).
Pare che Prada abbia riempito di luci e colori Galleria Vittorio Emanuele e Tiffany si è occupata delle luci in Via della Spiga.

Tiffany-Albero-Natale-2010_int
E direi “Santa Tiffany” uno degli alberi più belli a Milano ce l’ha regalato proprio Tiffany (foto che vi rende l’idea).

Leggo con voi “Per tutto il periodo natalizio, la gioielleria newyorkese, in collaborazione con l’Associazione Amici di Via della Spiga omaggia la metropoli meneghina e la via che da 12 anni ospita la sua storica boutique con suggestioni luminose, fiocchi di neve, beneficenza e il tradizionale Presepe.
Nel progetto scenografico a cura di Sebastiano Romano, ecco archi di bosso impreziositi da luci led a risparmio energetico ad illuminare tutta la via trasformandola in un emozionante percorso di luce; tra un arco e l’altro, fiocchi di diamanti, orgoglio del brand a stelle e strisce, vengono proiettati sulla superficie della strada”.
Io ho un arretrato pazzesco da regalarvi. Ho segnato tutto sulla mia fantastica agendina, ma torno a casa alla sera talmente distrutta che alle 21.00 crollo. Spero di rimediare.
Una cosa è certa io Venerdì mattina armata di stivaletti e pon pon mi farò offrire una colazione Natalizia poi me ne andrò in quel di Piazza Castello e poi su (o giù non vorrei dire fesserie) verso il Duomo, sperando che la messa e la benedizione facciano splendere l’albero, per poi approfittare dell’ingenuità del Giammy e portarlo ai Casalinghi della Rinascente. Questa parte potrei pure risparmiagliela se domani decidessi di andarmene in giro da sola.
Giustappunto. Chi viene con me domani pomeriggio in Fiera? Uffi.

danbo

Comincio a perdere i colpi. Ho cliccato su “pubblica” prima di aver pubblicamento ringraziato Lady Catelyn Stark. Come potete vedere, colui che dovrebbe aiutarmi in questo spazio, era momentaneamente occupato.

Quindi! GRAZIE per il pesiero/premio.

Print Friendly, PDF & Email