TOP

Sei un suicida o un omicida? Smetti di fumare, smetti di ammazzare

Fumare = suicidio, e il suicidio è un tuo diritto inalienabile. Però aggiungerei che chi fuma commette anche un OMICIDIO perché costringe gli altri a inalare il fumo passivo. Non vi fidate ecco i numeri:

  •  fumatori passivi in ambiente di lavoro: 324 muoiono ogni anno di tumore polmonare, 235 di malattie ischemiche del cuore

–   fumatori passivi con coniuge fumatore: 221 muoiono ogni anno di tumore polmonare, 1896 di malattie ischemiche del cuore.

Continuiamo a contare, su prendete il pallottoliere, LEGGETE e cercate di memorizzare:

  •  12 milioni di fumatori in Italia (circa 1 persona su 5);
  •   il 70% di chi comincia a fumare da adolescente vivrà 20-25 anni di meno di chi non ha mai fumato;
  •   in Italia, 10.000 miliardi spesi dalla sanità in 1.800.000 ricoveri dovuti al fumo (da solo, il fumo incide per 1/4 della spesa sanitaria in Italia).

I fumatori risultano:

  • 22 volte più a rischio di tumore ai polmoni;
  • da8 a10 volte per tumori all’esofago;
  • da10 a18 volte per la laringe;
  • 12 volte per la gola;
  • 5 volte per i reni;
  • 3 per la vescica;
  • 2,3 volte per il pene;
  • da2 a5 volte per il pancreas;
  • da5 a6 volte per l’ano;
  • da6 a27 volte per neoplasie di lingua e bocca.

Elenco delle malattie dovute al fumo: malattie al cuore, ulcere allo stomaco, tumore, aborti spontanei, crolli del sistema immunitario, facilità a contrarre infezioni, danni alla vista, invecchiamento della pelle, aumentato rischio di cancro (polmone, bocca, laringe, faringe, esofago, vescica, pancreas, collo e corpo dell’utero), malattie cardiovascolari (specie nel caso di fumo associato alla “pillola del giorno dopo”), osteoporosi, malattie respiratorie, e carie. Causa disturbi del ciclo mestruale e riduce la fertilità femminile (diminuisce il numero di ovociti in grado di essere fecondati).

Praticamente siete GIA’ MORTI.

Il 90% dei tumori polmonari è dovuto al fumo di sigaretta. Ovviamente i più colpiti sono i forti fumatori (1 pacchetto o più al giorno) ma si possono ammalare di questa spesso fatale patologia anche persone che non hanno mai fumato ma che grazie al fumo di colleghi, amici o parenti (cioè il cosiddetto fumo passivo) hanno inalato dosi consistenti di cancerogeni.


ALCUNE COSE CHE I FUMATORI IGNORANO

La nocività di una sigaretta non è data solo dal contenuto di nicotina in essa presente ma soprattutto dalle sostanze che vengono inalate durante il suo processo di combustione: uno dei metodi più usati per suicidarsi è respirare i gas di scarico della propria automobile. Ebbene la sigaretta è solo un tubo di scappamento un po’ più piccolo ma in grado di emanare lo stesso tipo di sostanze (come ad esempio ossido di carbonio e benzopirene).

Non è sufficiente una radiografia all’anno per scongiurare il tumore ai polmoni.

È SUFFICIENTE FARE UNA RADIOGRAFIA DEL TORACE OGNI ANNO PER PREVENIRE IL TUMORE AL POLMONE: Falso.

SMETTERE DI FUMARE SIGNIFICA INGRASSARE DI ALMENO 10 CHILI: Falso.

SMETTERE DI FUMARE È IMPOSSIBILE A CAUSA DEI SINTOMI DI ASTINENZA: Falso.

CHI RIPRENDE NON RIUSCIRA’ MAI A SMETTERE: Falso.

IL FUMO NUOCE (GRAVEMENTE) ALLA BELLEZZA 

Sono più di 400 i componenti tossici di una sigaretta. .. “Negli ultimi sei anni sono apparsi studi in grado di confermare una stretta relazione tra invecchiamento cutaneo e fumo”, afferma Enzo Berardesca, direttore di dermatologia clinica all’istituto San Gallicano di Roma. .. In dermatologia viene definita “smoker’s face”, [ed è causata dal] fenomeno ossidativo, che aumenta sia a livello dello strato corneo sia a livello del derma; [e dalla] microcircolazione, che viene rallentata.

  • Più rughe: il numero dei radicali liberi aumenta, anche in profondità, compromettendo la sintesi di collagene ed elastina. Il risultato? La pelle [diviene meno elastica e] si segna con facilità.
  • Colorito spento: i vasi sanguigni si restringono, l’apporto nutritivo e il flusso di ossigeno diminuiscono, la pelle appare opaca e poco vitale
  • Couperose: i capillari perdono di elasticità. Arrossamenti e irritabilità cutanea diventano più frequenti.
  • Rischio cellulite: l’alterazione della microcircolazione favorisce il ristagno di liquidi e provoca una riduzione del metabolismo. Tutto a favore dei cuscinetti adiposi.
  • Minori difese: gran parte degli antiossidanti presenti nell’organismo viene consumato astare l’azione tossica della sigaretta; così la pelle affronta in difetto gli stress ambientali: dall’eccesso di sole all’inquinamento atmosferico.

 

Esaurita Sciura Milanese per vocazione e per residenza. Cucina, Viaggia e Fotografa in ordine sparso e casuale. Starnazza sempre. Non guida, ma va dappertutto.

Comments (2)

  • Ho fumato sai?
    Ho cominciato a diciotto o diciannove anni per la prima volta. Spinta da amiche. Ora generalmente io non ascolto mai e non faccio gregge ma era un periodo dove chiaramente ero instabile e avevo poca voglia di vivere in generale e riflettere e allora ho cominciato.Nonostante mio papà fosse uno sportivo e odiasse il fumo e nonostante lo stesso quando seppe della triste notizia mi disse ” amore so che hai buon senso e quindi so che smetterai ”
    Ho smesso poi .
    Ho fumato però a fasi alterne dieci anni e non lo dico per dire ma ho fumato sempre da sola. Anche quando era concesso farlo nei locali è stata sempre mia premura non farlo vicino ai non fumatori.
    Ora detta così sembra essere un’idiozia ma è vero e ho milllioni di testimoni che mi prendevano per matta.
    FUmavo però in casa con le amiche e alcune non fumavano.
    Questo mi pesa sulla coscienza è molto. Ho fatto smettere mia madre minacciandola .
    E dicendole che se non fosse stata in grado di smettere non si sarebbe goduta me a lungo e semmai fosse arrivato un piccolo nipposilcutorinese.
    E ha smesso.
    Ho smesso nel periodo più duro. QUello dove avrei voluto ricominciare e fumarmne venti di pacchetti ma.
    Ti confesso che nei momenti difficilissimi è automatico pensare: oramelafumoealdiavolotutto.
    Solo che poi la sensazione di non fare puzza, avere la pelle migliore ( è proprio vero), compromettere ancora di più le mie carenze mi fa desistere.
    E’ la debolezza però il fumo per me. Il diavolo tentatore.
    Non ho mai bevuto in vita mia.
    Ho disciplina e rigore altrimenti sarei andata allo sbaraglio e non ho vizi.
    Non mangio le unghie e.
    E rimane sempre il mio “proibito”.
    A volte guardo il nippotorinese e gli dico : oh però a 80 anni se ci arrivo io ricomincio eh.
    tanto poi.

    è difficile. è difficile vedersi morire un’amica che fumava. con i polmoni compromessi e pensare che anche quello ha avuto una parte di colpa, anche se così non è.
    è difficile non prendere una sigaretta e fumarla fino allo sfinimento per cercare di rilassarsi un po’. sentirsi libera di trasgredire ed.
    essere.
    umana con debolezze.
    e non eroina denoiantri.
    però poi va a discapito di chi ti ama e di chi verrà se verrà e allora. mi trattengo.
    mi auguro che Giammy possa smettere al più presto. Non esiste un metodo. agopuntura.cerotto. nulla
    è come la dieta la sigaretta.
    è testa. testa , autocoscienza e controllo.
    Purtroppo nessuna pillola mai potrà curare . Solo la testa, l’impegno e la forza. Ed è difficile santo cielo.
    tanto difficile.
    però lo auguro fortemente a Giammy. Avendo te accanto la vittoria è dietro l’angolo ( io ho smesso con Pier)
    uniti.-
    Uniti ce la si fa. Sempre :*

    reply
    • Grazie nanosa.
      Io non mi sento una fumatrice, perché non ho il vizio. Ma, penso come tutti, ho fumato.
      Fumavo in università, che poi fumavo è una parola grossa!
      Al terzo anno in particolare, l’anno in cui è cominicato il mio motto “voglio uscire da questo mondo datemi il modo di farlo”, fumavo mezza sigaretta prima dell’esame come porta fortuna. Senza aspirare per altro.
      Talvolta una sigaretta me la fumo lo ammetto, quando in piena crisi ansiolitica invece che ridarmi alla vita precedente del “mò vediamo come posso farmi male”, preferisco una “sana” sigaretta. Il che è alquanto stupido e lo so.
      L’altro giorno sono andata a farmi una visita ed il medico mi ha fatto i complimenti per i miei polmoni ed il mio cuore, entrambi giovano di piena salute.

      Ti confesso che il ragazzo con cui stavo prima fumava e assai, ma la cosa non mi importava. Forse perché nella sostanza non ero innamorata. Ora con il Giammy è diverso.
      Quando di notte si gira e sento il suo respiro affannoso, mi sveglio. Lo guardo e prego Dio che non me lo porti via.
      Mi accorgo di amarlo talmente tanto e che è talmente incontrollabile e nuova questa cosa per me, che ho la paura che gli accada da sola.
      Ho pure l’ansia quando prende il treno, fosse per me andrei dall’autista e gli direi “usi la testa che su quel treno c’è il mio Giammy”. E che è arrivato tardi nella mia vita, questo è il pensiero che mi sfiora costantemente.
      E sapere che lui sta facendo di tutto per uccidersi (fumo, alcol, stress) mi fa male. Mi fa tanto male. E questa cosa non riesco ad affrontarla bene, ma mi ritrovo come una cretina a non dormire di notte e a sospirare ogni volta che si accende una sigarette.
      Mi ha giurato e spergiurato enne volte che smetteva. Ed io non ci credo più.
      Non so come fare per incoraggiarlo, non lo so proprio.

      In fondo so che deve partire da lui e per me sarebbe il gesto d’amore più grande che può farmi.

      reply

Post a Comment